Nasconde droga dentro un calzino “fantasmino”, denunciato pizzaiolo

Ubriaco si schianta contro il guardrail: lievemente ferito ma denunciato

Nella serata di sabato a Narni (TR) i militari della Stazione di Narni Scalo (TR) con la collaborazione di quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Amelia (TR) hanno sequestrato a 3 ragazzi laziali della ketamina, dell’anfetamina e dell’hashish denunciandone a piede libero per detenzione ai fini di spaccio uno e segnalando amministrativamente come assuntori gli altri due.

Un equipaggio dell’Arma, nel corso di un normale servizio perlustrativo di controllo del territorio, notava un trio di giovani non del posto che sostavano davanti ad un bar nei pressi della Stazione Ferroviaria di Narni (TR). Al momento dell’identificazione e controllo dei documenti i tre, fra cui una ragazza, si mostravano nervosi ed impacciati ed il più grande di loro, un 34enne pizzaiolo di Anzio (RM), chiedeva di entrare un attimo nel prospicente bar per prendere le bibite che avevano lasciato al fresco nel frigorifero. Ma all’occhio attento dei Carabinieri non sfuggiva il fatto che il ragazzo, nell’aprire il frigo, cercava di occultarvi senza farsi vedere un oggetto grigio non molto grande di forma sferica.

Recuperato l’oggetto, che non era altro che un calzino corto cd “fantasmino”, i militari vi trovavano nascosti all’interno una ventina di dosi già pronte, contenenti complessivamente circa 15 grammi di ketamina, ed un tocchetto di hashish di 10 grammi. Il successivo accurato controllo eseguito anche nei confronti degli altri due del gruppo permetteva ai militari di recuperare un involucro con 2 grammi di anfetamina, che aveva con sé la ragazza, una 20enne studentessa romana, e 6 dosi di hashish per altri 10 grammi, che occultava sulla persona l’ultimo del trio, un 32enne elettricista di Anzio (RM). Il 34enne veniva pertanto deferito a piede libero per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, mentre gli altri due venivano segnalati quali assuntori alle competenti Prefetture.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*