Muore sotto il treno a Montebello di Perugia, era stato licenziato da Gesenu, ditta dove lavorava

del Direttore, Marcello Migliosi
L’uomo che questa mattina si è tolto la vita gettandosi sotto il treno a Montebello di Perugia, si sarebbe suicidato dopo essere stato licenziato dall’azienda dove lavorava. Si è trattato di un gesto volontario hanno ricostruito gli uomini della Polfer di Foligno intervenuti sul luogo dell’incidente. Il dramma si è consumato alle 8,43 di oggi, sabato 18 aprile 2015, quando il macchinista del convoglio 22829 della Umbria mobilità esercizio ha visto una persona gettarsi sui binari.

Un gesto volontario e un giallo. Il licenziamento sarebbe avvenuto a seguito di una lettera anonima che lui avrebbe inviato alla sua azienda: la Gesenu. Da lì sarebbe scattata un’indagine condotta dalla Digos della Questura di Perugia. Gli agenti sarebbero risaliti al dipendente e l’azienda l’avrebbe licenziato. Che fosse stato lui l’autore di quelle lettere, il dipendente lo avrebbe anche ammesso. Nei suoi confronti l’azienda aveva avviato inevitabilmente una procedura disciplinare. Una storia drammatica, sulla quale le fonti ufficiali mantengono il più assoluto riserbo e né confermano alcuna tesi.

Non un incidente, quindi, se le cose fossero andate così, ma un gesto volontario dettato dalla disperazione per aver perso il lavoro. L’uomo, da quanto si sa, avrebbe anche lasciato una lettera ai familiari. Non risulta, invece, che l’uomo abbia parlato del suo “caso” con colleghi, almeno nei giorni immediatamente precedenti la tragedia. Gesenu, intanto, per voce del presidente Luca Marconi, esprime le proprie condoglianze e la vicinanza, ora e nel futuro, ai familiari del dipendente deceduto, senza entrare però nel merito della vicenda. Sul posto è intervenuta la polizia ferroviaria per ricostruire la dinamica di quanto successo.

La circolazione dei treni è rimasta bloccata per qualche ora. Trenitalia e Umbria mobilità hanno subito attivato autobus sostitutivi tra Ponte San Giovanni e Perugia.

 

 

 

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*