Tragedia nell’Arma, muore in un incidente il capitano Casario, aveva fatto servizio ad Assisi

Ad Assisi era stato comandante del nucleo operativo e radiomobile

Muore in un incidente il capitano Casario, aveva fatto servizio ad Assisi
Il capitano Alessandro Casario (al centro con la sciarpa azzurra) durante una cerimonia alla Scuola Marescialli FOTO http://www.firenzepost.it/

Muore in un incidente il capitano Casario, aveva fatto servizio ad Assisi
Il capitano dei Carabinieri Alessandro Casario, 41 anni, è morto in un incidente stradale a Firenze. La tragedia è successa intorno alle ore 6.45 di oggi in via Salvator Allende, all’altezza con via Famiglia Benini, nella zona di Castello, poco distante dall’area della nuova Scuola Marescialli.


Formazione per comunicatori e giornalisti - realizzazione siti internet
Scrivi a direttore@marcellomigliosi.it

Il capitano Casario da tre anni comandava la 2ª Compagnia Allievi, dopo aver fatto servizio alla Compagnia di Assisi, come comandante del nucleo operativo e radiomobile.

Casario, per cause ancora in corso di accertamento, si è scontrato frontalmente con un’auto condotta da una donna, che viaggiava sulla corsia opposta e che è rimasta illesa.  Niente da fare invece per l’ufficiale che, nonostante l’immediato intervento del 118 e i tentativi di rianimazione, è rimasto ucciso sul colpo, dopo aver urtato sullo spigolo anteriore sinistro dell’auto.

Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118, i cui sanitari non hanno potuto che accertare la morte dell’ufficiale dell’Arma. E’ morto sul colpo. I rilievi sono stati effettuati dalla Polizia Municipale e dai Carabinieri.

Il capitano era appena uscito di casa e si stava recando come ogni giorno alla Scuola Marescialli di piazza Stazione dove, apprezzatissimo e stimato da tutti i colleghi, da tre anni comandava la 2ª Compagnia Allievi, dopo aver fatto servizio alla Compagnia di Assisi. I rilievi sono stati effettuati dalla Polizia Municipale e dai Carabinieri. I familiari sono stati avvisati.

capitano Casario

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*