Morte Giulio Moracci, condannati a ergastolo 2 romeni

La sentenza è stata emessa nel corso del processo con rito abbreviato

Morte Giulio Moracci, condannati a ergastolo per 2 romeni

Morte Giulio Moracci, condannati a ergastolo 2 romeni

Il gup di Terni ha condannati all’ergastolo, Georghe Buzdugan (21 anni9 e Elvis Katalyn Epure (22 anni), i due romeni accusati di essere gli autori materiali della rapina in casa in cui, il 28 aprile scorso, morì soffocato il 91enne Giulio Moracci. La sentenza è stata emessa nel corso del processo con rito abbreviato. Il pm Barbara Mazzullo aveva chiesto la condanna dei due a 18 anni di reclusione.

Ad entrambi ha riconosciuto tutte le aggravanti ed ha escluso le attenuanti generiche. Proprio per questo, nonostante fosse stato scelto per i due rumeni il percorso del rito abbreviato, sono stati condannati all’ergastolo. Inoltre, il gip Maurizio Santoloci ha disposto che “non ci sarà una seconda perizia sul corpo di Giulio Moracci”.

Al termine della sentenza, si è alzata la tensione tra i familiari dei due condannati.

“Auspicavamo un giudizio esemplare e così è stato. Giustizia è stata fatta”: è il commento di Filippo Moracci alla condanna all’ergastolo di Elvis Epure e Gheorghe Buzdugan. A lui e alla madre Fioranna, presente nell’abitazione di Gabelletta al momento del colpo, il gup Maurizio Santoloci ha assegnato un risarcimento di 150 mila euro ciascuno. Altri quattro presunti complici dei due imputati condannati con rito abbreviato sono infatti a giudizio davanti alla Corte d’assise.

“Siamo soddisfatti che il giudice abbia condiviso appieno la nostra tesi” ha commentato anche il legale della famiglia Moracci, l’avvocato Andrea Colacci, che aveva chiesto al giudice proprio la condanna all’ergastolo dei due. Per l’avvocato Luca Maori, che insieme al collega Giuseppe Squitieri difende Epure e Buzdugan, “non c’è proporzione tra i fatti contestati e la pena inflitta”. “I due imputati sanno di essersi comportati in una maniera che non è conforme alla logica dello spirito umano – ha continuato il legale -, ma non volevano provocare la morte di Moracci”. La difesa ha già annunciato che presenterà appello alla sentenza.

Quel tragico 28 aprile Giulio Moracci venne legato con corde e nastro adesivo ed immobilizzato nella sua camera da letto, mentre i ladri stavano prendendo qualche gioiello di famiglia e denaro. Un bottino davvero minimo.

Quando i Carabinieri entrarono in casa trovarono il 91enne riverso sul letto, morto. L’autopsia sul corpo dell’anziano stabilirà pochi giorno dopo che Giulio Moracci era morto per soffocamento.

Anche la moglie venne legata su una sedia in cucina.

Subito furono avviate le indagini dai Carabinieri, e pochi giorni dopo furono arrestati in sei.

In carcere finirono i due rapinatori, lo zio di Gheorghe, Daniel Buzdugan (considerato il palo nel momento della rapina) e i tre presunti basisti: il 44enne ternano Claudio LupiGianfranco Strippoli romano di 60 anni e la colf della famiglia Moracci, Angela Cioce.

Morte Giulio Moracci

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*