Minaccia suicidio, Carabinieri Umbertide lo salvano, aveva anche droga con sé 

UMBERTIDE – Un cittadino italiano di 34 anni, originario e residente in Piemonte, è stato rintracciato ad Umbertide dai Carabinieri della locale Stazione e sottoposto a trattamento sanitario obbligatorio. Erano circa le 15 quando un cittadino ha segnalato una persona sospetta a bordo di un’autovettura di colore scuro. La pattuglia di Carabinieri in un primo momento non è riuscita a rintracciare il veicolo. Dopo un paio d’ore i militari hanno notato l’auto segnalata in località Olivello ed hanno intimato al conducente di fermarsi.

Questi, per tutta risposta, si è dato alla fuga venendo però dopo poco raggiunto e bloccato. Non appena i Carabinieri si sono avvicinati al veicolo, convinti magari di trovarsi davanti un malvivente, hanno invece subito compreso che il conducente era un soggetto con evidenti difficolta psichiche il quale, tra l’altro, si rifiutava di scendere dall’auto minacciando di gettarsi in un dirupo poco distante. Soltanto dopo un bel po di tempo i Carabinieri sono riusciti a distrarlo ed a calmarlo, parlando con lui di calcio e di altri argomenti.

Alla fine il 34enne ha assecondato i militari. Subito prima di affidarlo alle cure di personale sanitario del 118, nel frattempo intervenuto sul posto insieme ad altre pattuglie dell’Arma, l’uomo ha però avuto un altro momento di follia mettendosi a correre in direzione del dirupo. Fortunatamente i Carabinieri sono stati più veloci e lo hanno definitivamente bloccato.

Nel corso della perquisizione i militari hanno rinvenuto e sequestrato circa 5 grammi di hascisc, motivo per il quale il 34enne sarà anche segnalato alla Prefettura della provincia di residenza.
Non si conoscono i motivi per i quali l’uomo si trovava in Umbria. I suoi familiari, contattati dai Carabinieri, lo credevano a Milano, dove sembra lavorare come consulente informatico.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*