MEREDITH: SOLLECITO, CERCO LAVORO IN USA MA TORNERO’ PER PROCESSO

Omicidio Meredith  «Sentenza sbagliata  Raffaele e Amanda colpevoli»   Giornale dell Umbria(umbriajournal.com) PERUGIA – “Sto girando gli Stati Uniti, cerco lavoro. Sono un programmatore informatico, e la Mecca per me sarebbe la Silicon Valley, in California. Ma sono come in stand by, mi sento ‘congelato’, immobile. Annullando la sentenza di assoluzione, la Cassazione mi ha di fatto rimesso in carcere”. Raffaele Sollecito si confessa in esclusiva al settimanale ‘Oggi’, in edicola da domani, che l’ha incontrato a Londra. Sollecito, che sara’ l’unico imputato presente al processo d’appello bis che si aprira’ a Firenze il prossimo 30 settembre (Amanda Knox ha deciso di restare negli Stati Uniti), dice che disertera’ le prime udienze (“Saranno molto tecniche, con la mia presenza distoglierei le attenzioni dai fatti”), ma poi tornera’ per difendersi. Sollecito lancia un appello alla famiglia Kercher: “Ricevetemi, datemi la possibilita’ di parlare con voi. So che e’ difficile: se quel che e’ successo a Meredith fosse successo a mia sorella Vanessa, sarei impazzito, non vorrei sentire nessuno. Ma io chiedo ai Kercher di avere una visione razionale dei fatti”. E giura: “Se mi assolvono cerchero’ di costruirmi una vita e una carriera fuori dall’Italia”.

Raffaele Sollecito parla anche del fatto che secondo l’accusa, la sua coimputata Amanda Knox fosse una sorta di dark lady. “Amanda dea del sesso? Qui e’ la radice dell’errore degli inquirenti, di quel teorema ridicolo dell’orgia. Amanda – ricorda – era timida, inesperta, un po’ imbranata: come me, d’altronde. Non voglio entrare nei dettagli, perche’ non sarebbe giusto. Ma le dico, a titolo di esempio, che molte volte preferiva che le pettinassi per ore i capelli piuttosto che fare altro”. Sollecito confida infine che dopo la storia con Amanda si e’ innamorato “una sola volta, di una ragazza straniera. Non e’ durata: se non ho una vita, come posso condividerla?… La mia vita sentimentale e’ un casino. Spostandomi spesso, passo da una relazione all’altra. Finiscono tutte male. Ora sono single”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*