Menenti, slitta al 2 ottobre testimonianza Julia Tosti

Per l’omicidio di Alessandro Polizzi oggi, in aula, doveva essere il giorno di Julia Tosti, testimone e vittima dell’agguato mortale, e invece, la sua testimonianza è stata spostata al 2 ottobre. Oggi sono stati sentiti i familiari dei due giovani che hanno raccontato il dramma vissuto in quei giorni.

Sollecitati dal pubblico ministero Duchini hanno tratteggiato il prodromi di quello che poi ha avuto come acme il tragico fatto di sangue.

I precedenti di quella tragica notte del 25 marzo 2013 quando ci fu l’irruzione nell’appartamento di via Ettore Ricci, dove dormivano Alessandro Polizzi e Julia Tosti.

Un uomo con il volto coperto da un passamontagna e secondo l’accusa quell’uomo è Riccardo Menenti, padre di Valerio, considerato il mandante dell’omicidio. Un omicidio per vendetta, Julia era l’ex fidanzata di Valerio, e per punire chi lo aveva mandato per due volte in ospedale con le ossa rotte.

Gli avvocati dei Menenti hanno presentato una istanza di scarcerazione per i loro assistiti e la concessione degli arresti domiciliari. Sia la Procura sia le parti civili si sono opposte. E la Corte si è riservata di decidere. Accolta, invece, la richiesta di Riccardo e Valerio di poter assistere al dibattimento accanto ai loro legali e non nella gabbia.

[divider] [divider]

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*