Unipegaso

Mendicante minaccia commerciante e picchia un agente

VOLEVA CHE GLI CAMBIASSERO MONETE IN SUPERMERCATO

Mendicante minaccia commerciante e picchia un agente

Mendicante minaccia commerciante e picchia un agente

La richiesta di intervento è giunta verso le 13:20 di ieri allorché il titolare di un supermercato di San Sisto riferiva alla sala operativa della Questura che un cittadino straniero stava dando in escandescenze. All’arrivo della pattuglia i poliziotti trovavano l’uomo, un nigeriano dell’84, che inveiva contro il direttore dell’esercizio commerciale poiché non assecondava la sua richiesta di cambiare tutte le monete metalliche che aveva in moneta cartacea.

Il direttore, che aveva invece già provveduto a consegnare al nigeriano una banconota da 50 € in conversione delle monetine, gli chiedeva di allontanarsi poiché con la sua condotta recava molestie agli avventori.

L’uomo, fin da subito, appariva in stato di alterazione psicomotoria che sembrava riconducibile a patologia psichiatrica e, pertanto, i poliziotti decidevano di richiedere l’intervento del personale del 118. Data la situazione, gli agenti procedevano a perquisizione personale ad esito della quale trovavano oltre 500 euro in monete da 50 centesimi che venivano lasciate nella disponibilità dello straniero.

Al momento di salire sul mezzo di servizio lo straniero iniziava ad opporre una ferma resistenza, spintonando e strattonando gli agenti tanto da essere necessario l’intervento di una seconda pattuglia in ausilio. Condotto in ospedale per le valutazioni del caso, mentre stava accedendo al nosocomio scortato dai due operatori, ad un tratto sferrava uno schiaffo ad uno dei due poliziotti attingendolo in pieno volto. Per il colpo subito, l’agente veniva refertato per contusione in regione periorbitale e zigomatica con prognosi di 5 giorni.

Dimesso dal nosocomio, lo straniero è stato condotto in Questura per la compiuta identificazione e gli approfondimenti di rito.

Anche una volta giunto negli Uffici di Polizia, l’uomo non cessava la propria condotta aggressiva, continuando a tentare di colpire gli agenti, dimenandosi e strattonandoli. Dagli accertamenti è emerso che a suo carico risultavano pregiudizi per resistenza e lesioni a p.u. All’esito delle verifiche, per lo straniero sono scattate le manette: arrestato per resistenza e lesioni a p.u., è stato trattenuto nelle camere di sicurezza in attesa del rito direttissimo tenutosi stamane e ad esito del quale all’uomo è stata applicata la misura cautelare della custodia in carcere.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*