Melania Rea: condannato a 20 anni Salvatore Parolisi

La Corte d’Assisi d’Appello di Perugia ha condannato a 20 anni di carcere Salvatore Parolisi, il caporal maggiore accusato dell’omicidio della moglie Melania Rea. Il ricalcolo della pena al ribasso per Salvatore Parolisi
(condannato a 30 anni con rito abbreviato) era stato disposto l’11 febbraio scorso dalla Corte di Cassazione che aveva escluso l’aggravante della crudelta’ per il militare.

Una udienza dal contenuto ‘tecnico’, a porte chiuse, al termine della quale la Corte dovra’ pronunciarsi dopo che, il 10 febbraio scorso, la Suprema Corte, pur riconoscendo la responsabilita’ dell’imputato nell’omicidio, ha disposto un nuovo processo per rideterminare al ribasso la pena a 30 anni inflittagli in appello, eliminando la contestata aggravante della crudelta’. Parolisi, difeso dai legali Walter Biscotti e Nicodemo Gentile e recluso a Teramo, non e’ presente in aula.

Sono presenti, invece, il padre e il fratello di Melania, Gennaro e Michele Rea, accompagnati dal loro legale di parte civile, Mauro Gionni. Nelle oltre 100 pagine di motivazioni della sentenza, la prima sezione penale riconosce Salvatore Parolisi come unico responsabile del delitto, maturato in una “esplosione di ira ricollegabile a un litigio tra i due coniugi”. Le ragioni fondanti del litigio, aggiunge la Suprema Corte nelle motivazioni “si apprezzano nella conclamata infedelta’ coniugale” di Parolisi. Il “fatto delittuoso”, sottolineano i supremi giudici, “si inserisce nel contesto di una giornata ‘apparentemente normale’, i due coniugi erano attesi di li’ a poco a casa di amici”, la figlia “era con loro” e “non e’ risultato alcun particolare contatto, nella fascia oraria immediatamente precedente, con ulteriori soggetti o terzi tale da far ipotizzare ulteriori e anomali appuntamenti”.

La ricostruzione operata dagli inquirenti “colloca” Parolisi “sul luogo del delitto” e “costruisce il delitto stesso in termini di ‘occasionalita’” ossia legato al “dolo d’impeto” e non alla “premeditazione”.
Per i giudici “la mera reiterazione dei colpi”, anche se “consistente”, non puo’ essere ritenuta “fonte di aggravamento di pena”, in relazione all’aggravante dell’aver agito con crudelta’. Il caporalmaggiore dell’Esercito, unico imputato per l’omicidio della moglie, e’ stato condannato dai giudici di primo grado al massimo della pena, con isolamento diurno. Il 30 settembre 2013 la sentenza di secondo grado: Parolisi viene condannato a 30 anni dalla Corte d’Assise d’Appello dell’Aquila.

Quindi il ricorso presentato dai suoi legali Walter Biscotti e Nicodemo Gentile, insieme al penalista Titta Madia, e il nuovo verdetto della Corte di Cassazione. A presiedere la Corte d’assise d’appello di Perugia Maria Rita Belardi. A latere Massimo Ricciarelli. Sostituto procuratore generale Giancarlo Costagliola, lo stesso che si occupo’ del processo per l’omicidio di Meredith Kercher.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*