Lotta alla droga a Perugia, espulsi due spacciatori tunisini

Spacciatore di cocaina rimandato a casa sua in Albania

ESPULSIONEspacciatorePOLIZIAProseguono i servizi straordinari di controllo del territorio, disposti dal Questore Carmelo Gugliotta, finalizzati al contrasto della Immigrazione Clandestina ed attuati dalla Squadra Mobile e dalle “Volanti” con l’ausilio del Reparto Prevenzione Crimine, “Umbria – Marche” . Nel corso dei servizi la Squadra Mobile ed il Reparto Prevenzione Crimine hanno fatto irruzione in due appartamenti in uso a spacciatori. Nel primo, ubicato nella zona di Villa Pitignano, è stato rintracciato un cittadino tunisino F.H. , del ‘68; dai controlli è emerso che deteneva tre involucri contenenti circa 5 gr di eroina, custoditi in un vaso sul balcone e 2700 € in contanti.

Dopo il sequestro veniva accompagnato in Questura e denunciato in stato di libertà per detenzione di stupefacenti a fini di spaccio. Nel secondo, ubicato in Via Borghetto di Prepo, sono stati rintracciati due spacciatori nigeriani I. A. D. del ‘87, già arrestato tre volte a Perugia per tali reati, e I. O. del ’85, non noto alle forze di Polizia di Perugia ma già arrestato due volte a Firenze e Bologna per stupefacenti. Tutti e tre, visti i precedenti penali e la pericolosità sociale, per allontanarli dalla città sono stati espulsi con accompagnamento immediato alla Frontiera. Nel primo pomeriggio, con una nutrita scorta, sono stati accompagnati ad un C.I.E. da dove nei prossimi giorni verranno rimpatriati .
Nella rete dei controlli è incappato anche un pluripregiudicato tunisino N. A. , del ’77 , da 15 anni a Perugia e indagato più volte per una serie di reati tra cui sei volte per stupefacenti. Lo straniero è noto perché assiduamente si reca al Palazzo di Giustizia per chiedere, al personale addetto alla vigilanza alle udienze, con insistenza molesta di eventuali processi a suo carico. Il tunisino, dopo il rintraccio, è stato condotto in Questura ed espulso; anche lui nel pomeriggio è stato scortato ad un C.I.E. da dove verrà rimpatriato nei prossimi giorni.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*