Lorenzo Massarelli, il piccolo guerriero è morto, l’Umbria in lutto

Le lacrime non bastano mai quando muore un bambino

Lorenzo Massarelli, il piccolo guerriero è morto, l'Umbria in lutto

Lorenzo Massarelli, il piccolo guerriero è morto

Le lacrime non bastano mai quando muore un bambino. Lorenzo Massarelli, che quattro anni fa era stato colpito da una forma molto maligna di tumore cerebrale, alla fine ha ceduto. Il piccolo guerriero è morto. Terni, l’Umbria sono in lutto. Lorenzo aveva passato gli ultimi quattro anni a combattere contro questa rara forma di neoplasia cerebrale. Il dolore ora non c’è più, né terapie devastanti e…inutili. Mamma Gianna ha uno squarcio nel cuore, come ogni madre che perde un figlio…ma lei ha vissuto il dramma di suo figlio ogni giorno, ogni minuto…ogni istante. Mercoledì sera sulla bacheca di Facebook. e su quella del ‘gruppo’ che era stato organizzato in suo nome, i messaggi di dolore e di ricordo sono diventati presto incalcolabili. L’ultimo di Alssandra Proietta, postato 35 minuti fa (sono le 5,45 del mattino)… Svegliarti la mattina andare a lavoro e apprendere una notizia del genere notizie che ti lasciNo senza fiato le gambe tremano e ti manca il respiro stai lavorando e proprio non ce la fai a Non piangere ma tu non avresti voluto questo piccolo grande guerriero sei stato un esempio per tutti noi .Ora vola in alto e fai buon viaggio proteggi la tua mamma così dolce perché ne avra” tanto tanto bisogno e tutta la tua famiglia veglia su di noi con la stessa forza e amore con cui hai lottato contro la malattia .penso che non si puo” morire così ma tu non volevi parole di dolore ce l hai sempre detto nei tuoi post avrei voluto conoscerti Amico mio e non solo scriverti da un pc ho imparato a volerti bene e questo bene lo portero” sempre con me fai buon viaggio guerriero riposa in pace Lorenzo Massarelli

guerriero

1 Commento su Lorenzo Massarelli, il piccolo guerriero è morto, l’Umbria in lutto

  1. Purtroppo è accaduto quello che tutti noi speravamo non accadesse, ma purtroppo il destino ha voluto il contrario per colpa di una brutta malattia

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*