Litiga col fidanzato tunisino e picchia i poliziotti, arrestata italiana

Uno degli agenti di polizia è stato preso schiaffi in faccia

Litiga col fidanzato tunisino e picchia i poliziotti, arrestata italiana

Litiga col fidanzato tunisino e picchia i poliziotti, arrestata italiana  per la scalmanata Ieri sera in piazza IV Novembre avevano iniziato a litigare con dei ragazzi che si trovavano seduti sulle scalette del Duomo, ma poi si erano spostati verso la zona dei Tre Archi, continuando a discutere animatamente tra loro. Qui sono stati raggiunti dai poliziotti che erano stati allertati da alcuni passanti. Alla richiesta dei documenti, l’uomo un tunisino di trenta anni, da parecchio tempo in Italia, con precedenti per reati contro gli stupefacenti, il patrimonio e la persona, si è opposto e per dimostrare agli agenti di non avere nulla da nascondere, ha iniziato a spogliarsi, fino a rimanere in mutande.

La compagna, una cittadina italiana di quarant’anni ha cercato di frapporsi tra gli agenti e lo straniero fino ad alterarsi perché riteneva ingiusto che venissero chiesti i documenti al suo fidanzato. Iniziava così a proferire frasi offensive all’indirizzo dei poliziotti, nonostante sul posto si fosse radunata parecchia gente che si era attardata a vedere la scena. La donna, nonostante i tentativi degli agenti di calmarla, si scagliava contro uno di loro e lo schiaffeggiava in volto, tanto che con fatica veniva portata in Questura per accertamenti. Una volta dentro gli uffici, continuava ad apostrofare i poliziotti con frasi fortemente offensive e colpiva al volto un altro operatore che cercava di riportarla alla calma.

La donna, con precedenti per reati contro il patrimonio e la persona, è stata arrestata per resistenza aggravata e lesioni a pubblico ufficiale, mentre i due poliziotti si sono recati presso il locale Pronto Soccorso per le cure del caso. La donna è agli arresti domiciliari presso la sua abitazione in attesa della direttissima fissata per domani.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*