Liquido sospetto a Ponte Pattoli, è innocuo “cercafughe” [FOTO e VIDEO]

Gli specialisti sono rientrati alle ore 21 e, quindi, l'allarme è cessato

Liquido sospetto a Ponte Pattoli, è innocuo "cercafughe" [FOTO e VIDEO]

Liquido sospetto a Ponte Pattoli, è innocuo “cercafughe” [FOTO e VIDEO]

Gli specialisti dei Vigili del fuoco, dopo un’intensa giornata, sono riusciti a individuare il liquido contenente nell’ampolla, contenuta a sua volta dentro una busta, e indirizzata all’armatore di Ponte Pattoli. Il gas è innocuo ed è il cosiddetto “cercafughe” utilizzato per gli impianti refrigerazione in caso di guasti. Gli specialisti sono rientrati alle ore 21 e, quindi, l’allarme è cessato.

Ci sarebbe un messaggio, scritto su un foglio, nella busta indirizzata all’armatore di Ponte Pattoli. Un messaggio minaccioso dove si parlerebbe di un virus contenuto in piccoli recipienti, di quelli con il tappo rosso, simili a quelle usate per le analisi del sangue.

Il pacchetto conteneva delle ampolle con dentro, appunto, il liquido. La busta ha mobilitato nella giornata di venerdì le forze dell’ordine. Vigili del Fuoco, Polizia Municipale, Carabinieri, il nucleo NBCR (nucleare batteriologico e chimico e radiologico) da Perugia e da Roma, con l’ASL di Perugia e il servizio del 118 sono stati impegnati tante ore cercando di capire quale fosse la sostanza contenuta all’interno.

Il pacchetto era stato lasciato in un bar di Ponte Pattoli che si trova accanto all’armeria. L’armatore quando ha aperto la busta si trovava dentro il locale e alla vista del messaggio si sarebbe spaventato lasciando cadere a terra uno dei piccoli recipienti. Quest’ultimo con l’urto si sarebbe rotto. Il destinatario preoccupato ha chiamato i carabinieri che a loro volta hanno allertato i pompieri.

I Vigili del Fuoco di Perugia sono intervenuti per il recupero del pacchetto contenente il liquido. I pompieri, con la strumentazione in loro possesso, hanno da subito escluso la presenza di sostanze reattive. L’uomo è stato accompagnato per accertamenti in ospedale, dal quale è stato dimesso poco dopo in seguito ai controlli fatti dai medici del reparto di malattie infettive.

Liquido sospetto

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*