LA FORESTALE SEQUESTRA I LAGHETTI AZIENDALI

inquinamento dall'alto- 1(UJ.com3.0) MONTEFALCO –  Nei giorni scorsi, gli uomini del Comando Stazione forestale di Campello sul Clitunno hanno sequestrato di iniziativa  i laghetti aziendali a servizio di un allevamento suinicolo nel Comune di Montefalco. Si tratta di una superficie complessiva di circa quattro ettari, di parte di fondi agricoli incolti di proprietà dell’azienda e delle attrezzature, una pompa elettrica ad immersione e condotte, utilizzate per smaltire illecitamente i reflui zootecnici. L’importante operazione della forestale di Campello nasce dalla segnalazione di privati cittadini relativa ad un intervenuto fenomeno di inquinamento delle acque del torrente Teverone nel Comune di Bevagna.

 

A seguito di puntuali verifiche è stato possibile individuare la fonte inquinante: dopo aver ripercorso e verificato l’intero reticolo idrografico ricadente nei Comuni di Trevi e Montefalco, a monte del Comune di Bevagna, gli uomini della Forestale giungevano nell’allevamento suinicolo sito in loc. Polzella di Montefalco. Dal sopralluogo è emerso che il liquame zootecnico contenuto in uno dei laghetti aziendali a servizio dell’allevamento ed impiegato per lo stoccaggio temporaneo e per la maturazione dei liquami prima del loro impiego in agricoltura, veniva disperso illecitamente, con l’utilizzo di una pompa elettrica e condotte, sui terreni agricoli incolti limitrofi ai laghetti, effettuando quindi una operazione che non rientra nelle normali pratiche agricole previste anche dal Codice di Buona pratica Agricola. Dal terreno incolto i reflui confluivano al vicino fosso demaniale denominato Fosso della Forma immettendosi quindi di fatto nel reticolo idrografico della zona.

 

L’imprenditore responsabile dell’azienda di allevamento suinicolo, un quarantenne della zona, è stato deferito all’Autorità Giudiziaria. I fatti che gli vengono contestati intergrano violazioni al Testo Unico Ambientale in materia di rifiuti  per aver smaltito illecitamente rifiuti liquidi sul suolo e nelle acque superficiali; le pene previste sono arresto fino a un anno o ammenda fino a ventiseimila euro. L’imprenditore, infatti,  contravvenendo a quanto disposto dalla normativa di settore, anziché vuotare il laghetto aziendale rispettando la normativa vigente, si liberava dei liquami ivi contenuti disperdendoli in modo incontrollato nel terreno e nelle acque superficiali, determinando di fatto un grave inquinamento dei corsi d’acqua della zona; per questo gli è stato contestato anche il danneggiamento aggravato di acque pubbliche e il getto pericoloso di cose.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*