Investe ciclista, ma si costituisce perché braccato su Facebook

Ventenne si sente male, mix di droga e alcol la manda in ospedale
Ospedale Città di Castello
Ospedale Città di Castello
Ospedale Città di Castello

CITTA’ DI CASTELLO – La caccia al pirata della strada che, al volante di un suv, ha travolto e ferito sabato sera un quarantasettenne che era in sella alla sua bicicletta, e’ terminata. L’uomo, letteralmente braccato sui social media, ha deciso di costituirsi. L’incidente era accaduto sabato poco dopo le 20,30, lungo la strada che porta a Fontecchio. Il ciclista è stato travolto davanti ad alcuni testimoni. Niente soccorso per lui da parte di colui che lo aveva investito, fuga immediata, e la povera vittima in terra con ferite gravi. Dagli esami effettuati presso l’ospedale di Città di Castello, si rilevano traumi soprattutto nella regione maxillo facciale (frattura della mandibola) e i medici dispongono per il ricovero nel reparto di chirurgia. La prognosi parla di alcune settimane. Dalle informazioni dei testimoni raccolte sul posto nei minuti successivi all’incidente, le indagini si concentrano subito attorno al conducente di un fuoristrada di colore scuro, con la parte anteriore visibilmente danneggiata dall’impatto con la bici. Altri danni alla carrozzeria sarebbero stati riportati anche nel lato dello sportello del passeggero e sullo specchietto. I Carabinieri si mettono però sulle sue tracce, raccogliendo elementi utili per la sua identificazione. In contemporanea però sembra sia scattata anche una ricerca sui social media, in particolare su Facebook. Questo per poter coinvolgere il maggior numero di persone possibile per ritrovare il responsabile dell’investimento. Più o meno si chiedeva di cercare una jeep scura con paraurti ammaccato sul lato anteriore destro. Tra la grande mobilitazione, ma non è escluso anche che l’uomo possa essere stat consigliato da qualcuno che, a mente fredda ha di certo avuto più buon senso di lui, a costituirsi presso i Carabinieri

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*