Intossicazione da funghi per una famiglia di Roma e un tuderte, non sono gravi

Incidente a Sabbione, in prognosi riservata una donna di 59 anni
Incidente a Sabbione, in prognosi riservata una donna di 59 anni

Intossicazione da funghi per una famiglia di Roma e un tuderte, non sono gravi

Il week end si è interrotto drasticamente per una famiglia romana e per un uomo di Todi, per colpa di funghi velenosi consumati nella giornata di ieri.Ora i quattro, due donne e due uomini, si trovano ricoverati al S.Maria della Misericordia per una sindrome gastroenterica causata da un pranzo a base di funghi, finiti sulla tavola senza una accurata selezione .Funghi, si è appreso, che sarebbero stati raccolti in un bosco nelle campagne della Media Valle del Tevere.

La giovane coppia residente nella capitale, di 37 e 38 anni, assieme alla mamma dell’uomo di 63 anni aveva deciso di trascorrere il fine settimana a Todi, ospiti di amici .Due ore dopo il pasto di mezzogiorno hanno accusato disturbi intestinali e vomito.

Allarmati si sono messi in contatto con la centrale del 118 che, in un primo momento li ha trasportati all’ospedale di Pantalla.Visto che il quadro appariva complesso e nel timore che si rendesse necessario l’intervento del centro anti -veleno di Milano, i quattro sono stati trasferiti al pronto soccorso dell’ospedale di Perugia, dove il medico di turno Massimo Siciliani provvedeva a somministrare loro carbone attivo e disponeva una lavanda gastrica.Le condizioni dei pazienti , come riferisce una nota dell’ufficio stampa dell’Azienda Ospedaliera di Perugia, nel giro di poche ore sono migliorate, ma si è reso ugualmente necessario il ricovero ospedaliero per monitorare i parametri vitali a distanza di tempo dalla intossicazione. La famiglia romana e l’uomo di cui erano ospiti, si trova ora nella struttura complessa di Medicina del Lavoro del prof.Giacomo Muzzi. Solo nella giornata di domenica 1 Novembre si saprà se la brutta avventura si concluderà con il ritorno a casa, oppure ci sarà bisogno di ulteriori accertamenti e terapie

Intossicazione da funghi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*