Primi d'Italia

Insulti e violenza alla ex compagna, stalker tunisino a Perugia non potrà più avvicinarla

Non potrà più avvicinarsi alla sua ex, denunciato stalker ternano
stalker persequita

Insulti e violenza alla ex compagna, stalker tunisino a Perugia non potrà più avvicinarla

Negli ultimi tempi la Squadra Volante è venuta a conoscenza di una brutta vicenda di stalking. I protagonisti sono un 34enne tunisino e una ragazza dell’Est Europa, i quali da alcuni mesi hanno interrotto la loro relazione sentimentale.

Tuttavia, il nordafricano non ha affatto digerito la decisione della donna di lasciarlo ed ha iniziato a renderle la vita impossibile. In alcune giornate, egli le ha inviato centinaia di sms; altre volte, le ha telefonato chiedendole insistentemente di tornare con lui ed insultandola per il fatto che la giovane si è sempre rifiutata. In altre occasioni, si è giunti persino alla violenza, verbale e fisica; così, la donna ha raccontato alla Polizia di esser stata più volte minacciata di morte se non avesse subito riallacciato la relazione, il che le ha ingenerato un comprensibile stato di ansia e di timore per la propria incolumità.

Da ultimo, nella denuncia presentata alla Squadra Volante, la ragazza ha anche raccontato di aver subito delle percosse dal tunisino, il quale ha tentato in ogni modo di soggiogarla, ripetendole più volte, mentre la picchiava, che lei doveva ritenersi “cosa sua”. Tutti questi elementi – di cui la Polizia è venuta a conoscenza in parte nel corso degli interventi effettuati in occasione di liti tra i due ex ed in parte grazie al coraggio della donna, che si è decisa a denunciare il proprio stalker – hanno però portato a pesanti provvedimenti nei confronti del maghrebino. In particolare, l’A.G. ha emesso nei suoi confronti un divieto di avvicinamento a tutti i luoghi abitualmente frequentati dalla giovane. Per il tunisino, dunque, l’obbligo di girare alla larga, pena l’adozione di misure ancora più drastiche contro di lui. Per la donna, la fine di un incubo.

Insulti e violenza

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*