Incrocio a Pieve di Campo, torna il pericolo dopo il sottopasso

Incrocio a Pieve di Campo, torna il pericolo dopo il sottopasso
Incrocio con incidente a Pieve di Campo
La poesia di Gino: "L caldo"
Gino Goti

da Gino Goti
Con lo sbiadirsi della segnaletica stradale torna il pericolo incidenti all’incrocio tra via Pieve di Campo e via San Girolamo. Negli ultimi giorni per puro miracolo non si sono verificati due “frontali” che avrebbero avuto conseguenze molto gravi.
Chi sale da via Manzoni verso via San Girolamo e non è attento a quella che dovrebbe essere una segnaletica chiara tende a stringere alla sua sinistra trovandosi di fronte chi, tranquillamente, scende da Perugia e vorrebbe proseguire diritto sulla sua sinistra per scendere, per intendersi, verso l’unico bar-gelateria della zona.

Già quando i residenti segnalarono i due o tre incidenti settimanali, più o meno gravi, in mancanza completa di segnaletica stradale e cartellonistica nell’incrocio di cui si parla, fu suggerito di predisporre un cordolo spartitraffico rialzato e possibilmente luminoso, per evidenziare il rispetto della divisione della carreggiata.

Chi è del posto o abitualmente transita per quell’incrocio è a conoscenza della corsia su cui immettersi, ma chi vi transita per la prima volta, magari in velocità, o, imprudentemente, non controlla quanto resta della segnaletica può creare grave pericolo per se’ e per chi sta incrociando.

I cittadini residenti ripropongono quindi un “cordolo” rialzato, anche in gomma e con piccoli pannelli rifrangenti o luminosi, per restituire sicurezza a un tratto di strada in cui, nel tempo, si sono verificati numerosi incidenti, sia per imprudenza che per difetto di una segnaletica evidente.

Incrocio a Pieve di Campo

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*