Incidente a Santa Maria Rossa, ancora grave la sorella maggiore

Sofia insieme alla sorella era andata allo stadio, in curva Nord a vedere il Perugia, poi in discoteca

Incidente a Santa Maria Rossa, ancora grave la sorella maggiore

Incidente a Santa Maria Rossa, ancora grave la sorella maggiore

E’ ancora in prognosi riservata la sorella di Sofia Roscini, la ragazza 21 anni morta nel tragico incidente avvenuto nella mattinata di sabato 19 dicembre 2015. Sofia viaggiava sulla Fiat Panda condotta dalla sorella maggiore  di 23 anni). Ieri pomeriggio, all’obitorio del Santa Maria della Misericordia, l’esame esterno del cadavere di Sofia svolto dalla dottoressa Laura Paglicci Reattelli. Il giorno dopo il tragico incidente a Santa Maria Rossa, su facebook tanti i messaggi e le iniziative.

Sofia insieme alla sorella era andata allo stadio, in curva Nord a vedere il Perugia, poi in discoteca. Il primo documento trovato dai soccorritori è stata proprio la tessera del Grifo sotto la maglietta. Lo schianto a meno di un chilometro da casa, durante il viaggio di ritorno verso San Nicolò di Celle. La vecchia Fiat Panda è uscita di strada andando a schiantarsi contro un muro.

La sorella di Sofia, al volante, potrebbe aver accusato un colpo di sonno. Per la 21enne non c’è stato niente da fare, nonostante i soccorsi siano stati immediati. La 23enne resta in ospedale per un trauma toracico-addominale grave per cui i medici dell’equipe del professor Francesco Puma non hanno ancora sciolto la prognosi.

La giovane ha riportato anche molte fratture e, quando sarà risolto il problema toracico, verrà trasferita nell’Ortopedia del professor Auro Caraffa.

Incidente

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*