Incendio vetreria Piegaro, anche il ferito meno grave trasferito al centro grandi ustionati

La gestione assistenziale dei due feriti ed altri casi urgenti ha provocato qualche rallentamento di attività al Pronto Soccorso del S. Maria della Misericordia

Escursionista folignate precipita sui Monti Sibillini, volo di 30 metri

Anche il ferito meno grave dell’incendio di questa mattina a Piegaro, è stato trasferito nel primo pomeriggio in elicottero in un centro grandi ustionati, quello dell’ospedale S. Eugenio di Roma. Il decollo dell’elicottero velivolo Icaro, di ritorno da Cesena dove era stato trasportato il più giovane degli operai, è avvenuto alle 15 dalla aviosuperficie Franco Tomassoni. Entrambi gli ustionati al loro arrivo in Sala Emergenza del Pronto Soccorso di Perugia sono stati intubato e messi in sicurezza. Il prof Luca Stingeni direttore della struttura di Dermatologia e la dott.ssa Rosa Cucchia hanno effettuato le valutazioni cliniche sulle ustioni .”Per entrambi i pazienti, si tratta di ustioni di 2 e 3 grado, che hanno riguardato il volto e il tronco. Sicuramente quelle del paziente più giovane sono più estese, arrivano quasi al 50% del corpo – ha precisato il Prof. Stingeni-. Per l’altro ustionato,la superficie corporea danneggiata è del 30%”. A seguito della gestione dei due feriti e quella per altri eventi di particolare complessità e gravità , si sono verificati- come informa una nota dell’Ufficio Stampa dell’Azienda Ospedaliera dei rallentamenti nella attività assistenziale a pazienti con codici di minore rilevanza , presenti questa mattina al Pronto Soccorso del S. Maria della Misericordia. Nel pomeriggio comunque la situazione è tornata alla normalità.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*