In azione i truffatori del “Falso incidente del figlio”

Danneggiano percorso verde, minorenni denunciati

Brutta avventura per una coppia perugia truffata da chi, evidentemente, era a conoscenza delle abitudini della famiglia. Sul cellulare del padre arriva la chiamata di un sedicente maresciallo dei Carabinieri di Riccione che riferiva che il figlio era trattenuto in caserma perché aveva avuto un brutto incidente con la vettura sprovvista di polizza assicurativa e che occorreva urgentemente rimediare sennò non sarebbe uscito dalla Caserma. Effettivamente il figlio era in vacanza nella riviera romagnola e non rispondeva al telefono.

Poco dopo un sedicente “avvocato” delle assicurazioni chiama al telefono fisso della abitazione spiegando che occorreva subito pagare la polizza assicurativa e che occorrevano urgentemente 3500€ da prelevare in banca e che avrebbe mandato qualcuno a casa a prenderli per accelerare i tempi.

L’uomo, preoccupato per il figlio, seguiva le istruzioni alla lettera e appena tornato dalla banca con il contante si vedeva suonare alla porta da un gentile “incaricato delle assicurazioni” che ritirava la somma assicurando che avrebbe risolto tutto.

Ovviamente alla prima telefonata del figlio è emerso che era un racconto inventato; qualche elemento per uno sviluppo investigativo è stato fornito e le indagini sono in corso.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*