Primi d'Italia

GIOVANE ECUADOREGNO ESPULSO PER PERICOLOSITA’ SOCIALE

Immigrazione clandestina, blitz polizia in centro storico, denunciato tunisino
Questura di Perugia

Questura di Perugia(UJ.com3.0) PERUGIA – Un ecuadoregno  del ’89, residente a Santa Maria degli Angeli  ma di fatto a Perugia nella zona di Via del Macello , è stato espulso dal territorio nazionale,  per pericolosità sociale. Il giovane, arrivato a Perugia nel 2002 per ricongiungersi con la famiglia, sinora ha soggiornato regolarmente ed ha sempre ottenuto il rinnovo del permesso di soggiorno. Negli ultimi anni è stato più volte sorpreso a Perugia dalle forze di polizia mentre commetteva dei reati , spesso palesemente ubriaco. Nel 2004 subisce il primo arresto dalla Squadra Mobile per rissa; nel 2008 viene arrestato dai Carabinieri per resistenza a Pubblico Ufficiale; nel 2010 viene arrestato a Perugia per violenza sessuale e rapina in danno di una giovane prostituta;  nel 2012 viene sorpreso a Castiglion Fiorentino e a Spoleto a commettere dei furti.

 

Lo straniero è stato più volte identificato nei servizi di controllo del Territorio nella zona di Via del Macello ove spesso si associava a malavitosi. Tale curriculum criminale  ha indotto l’Ufficio Immigrazione a proporre alla Prefettura la emissione nei suoi confronti un provvedimento di Espulsione per pericolosità sociale. Ieri mattina, dopo il suo rintraccio e la notifica del provvedimento, lo straniero è stato condotto in udienza dal Giudice di Pace che ha convalidato l’Espulsione. In serata è stato scortato da due agenti presso l’ Aeroporto di Roma Fiumicino da dove è partito con un volo diretto a Quito. Nonostante che a Perugia  viva la madre e i fratelli non potrà più rientrare in Italia.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*