Furto in abitazione, beccato giovane nordafricano

A finire nei guai un giovane tunisino di 38anni, senza fissa dimora, nullafacente, già gravato da pregiudizi di polizia

Furto in abitazione, beccato giovane nordafricano

Furto in abitazione, beccato giovane nordafricano

E’ andata male per giovane nordafricano che in una tarda serata del weekend appena trascorso era quasi riuscito a mettere a segno un furto in abitazione.

L’azione delittuosa è stata interrotta grazie al tempestivo intervento dei Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Perugia, impiegati nei predisposti servizi di controllo del territorio finalizzati a garantire la sicurezza e rispetto della legalità e a prevenire, in particolare, i reati di tipo predatorio.

A finire nei guai un giovane tunisino di 38anni, senza fissa dimora, nullafacente, già gravato da pregiudizi di polizia, colto in flagranza mentre tentava di dileguarsi dopo aver consumato un furto in un’abitazione nel centro della città di Perugia.

Lo straniero, infatti, nonostante la presenza della proprietaria che stava dormendo, si era introdotto attraverso la finestra del bagno all’interno di una casa che riteneva fosse un buon obiettivo.

Tuttavia qualche rumore di troppo ha svegliato la donna che, trovandosi improvvisamente il ladro di fronte, l’ha sorpreso a rovistare nei cassetti della stanza da letto in cerca di preziosi.

La donna, seppur spaventata, non ha esitato ad allertare immediatamente il 112. Ricevuta la segnalazione di un furto in atto, il militare della Centrale Operativa ha disposto in tempo reale l’invio di una Gazzella che all’istante è giunta sul posto, sorprendo il malvivente mentre tentava di dileguarsi dall’abitazione.

Alla vista dei militari il ladro ha tentato inutilmente una precipitosa fuga. Prontamente raggiunto dagli operanti, infatti, l’uomo è stato bloccato e identificato. Sottoposto poi a perquisizione personale è stato trovato in possesso dell’intera refurtiva composta da una borsa da donna al cui interno era custodito ancora il portafogli, la somma contante di 145 euro, le chiavi di casa e altri effetti personali della vittima.

Il fermato è stato poi condotto in caserma per ulteriori accertamenti a seguito dei quali è emerso che l’uomo nel tentativo di sviare le investigazioni aveva fornito false generalità ai carabinieri per sottrarsi alle proprie responsabilità.

Alla luce degli inequivocabili elementi di colpevolezza raccolti, è scattato l’arresto per lo straniero ritenuto responsabile del reato di furto aggravato e false attestazioni a pubblico ufficiale, mentre la refurtiva interamente recuperata è stata restituita all’avente diritto.

Furto in abitazione

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*