Freddo in Umbria, passeggeri bloccati alla stazione di Perugia

Insomma una prima decade di marzo piovosa, utile per l’obbiettivo di lasciarci definitivamente alle spalle la siccità del 2017

Freddo in Umbria, passeggeri bloccati alla stazione di Perugia

Freddo in Umbria, passeggeri bloccati alla stazione di Perugia

PERUGIA – Il gelo e la neve degli ultimi giorno ha creato tantissimi disagi. L’ultimo è successo ieri sera a Perugia, ed esattamente alla Stazione di Fontivegge. Una trentina di passeggeri sono rimasti chiusi in stazione a causa del ritardo a un treno di 10 ore. Situazione diventata più complicata con la chiusura dei cancelli. Il treno Intercity (il “Tacito”) proveniente da Milano è arrivato alla stazione di Perugia con un forte ritardo, alle 2.09 di notte. I monitor erano spenti a causa di un guasto elettrico e la vigilanza privata aveva già chiuso i cancelli intorno a mezzanotte, come sempre, ignorando che l’ultimo treno doveva ancora arrivare. I passeggeri hanno dovuto chiamare gli addetti che hanno riaperto i cancelli.

 

Disagi anche in via Bonfigli, nei pressi di Borgo XX giugno, dove questa notte è stato necessario un intervento dei vigili del fuoco per una fuga di gas. La strada è stata chiusa per permettere alla ditta specializzata di riparare  il guasto.

Per quanto riguarda le condizioni del tempo, Umbria Meteo dice che sull’Umbria avremo molte e nubi con piogge a fasi alterne e d’intensità irregolare ancora fino al pomeriggio di oggi poi assisteremo a dei rasserenamenti con temperature in calo e possibili locali gelate nelle prime ore di sabato 3 marzo. Ancora molte nubi e piogge nel pomeriggio e nella serata di sabato 3 marzo con quota neve in netta risalita fin sopra i 1500 metri. Domenica 4 marzo temporaneo miglioramento seguito da un nuovo peggioramento lunedì 5 marzo con piogge soprattutto tra pomeriggio e sera, migliora durante le ore notturne successive. Martedì 6 marzo ancora molte nubi e piogge, specie durante le ore centrali della giornata, altre due moderate perturbazioni attese tra mercoledì 7 e venerdì 9 marzo con temperature in progressivo calo fin su valori prossimi alle medie stagionali. Insomma una prima decade di marzo piovosa, utile per l’obbiettivo di lasciarci definitivamente alle spalle la siccità del 2017.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*