FRANA FOLIGNO SERENI: USARE FONDI ALLUVIONE

Frana di San Giovanni Profiamma a Foligno(UJ.com3.0) FOLIGNO – Il movimento franoso che ha interessato San Giovanni Profiamma, e ora anche Africa, una frazione di Nocera,  si inquadra in una situazione di fragilità e di aggravamento dei fenomeni che già si sono verificati in Umbria nel novembre 2012. Pertanto, oltre ad auspicare che il prossimo Governo possa finalmente mettere mano ad piano straordinario contro il dissesto idrogeologico così che non si debba intervenire sempre di emergenza in emergenza, nell’immediato è giusto sostenere la richiesta già avanzata dalla Regione e dai Comuni di individuare le risorse finanziarie necessarie nell’ambito degli stanziamenti per l’alluvione del novembre 2012” – è quanto sostiene la deputata del Pd e vicepresidente della Camera Marina Sereni che questa mattina, insieme al Sindaco di Foligno Nando Mismetti (VIDEO) e a Vincenzo Riommi, assessore regionale, si è recata a San Giovanni Profiamma, la frazione di Foligno che nei giorni scorsi è stata interessata dalla frana.

“Per gli aspetti invece legati alla viabilità – aggiunge Sereni –  la Flaminia continua a rimanere chiusa nel percorso interessato dallo smottamento ed è già stato fissato un incontro tra Regione e Anas non solo per liberare la sede stradale, ma anche per individuare gli interventi di spettanza della Quadrilatero SpA dato che  il tratto interessato si trova sull’asse Foligno-Civitanova Marche, una delle due arterie principali in cui si articola il progetto viario. Nei prossimi giorni riporterò anche agli altri parlamentari del territorio quanto ho potuto constatare di persona questa mattina per valutare assieme le iniziative più utili verso la Protezione Civile nazionale e il Governo affinché alle considerazioni e alle domande già avanzate dalla Regione Umbria e dagli Enti locali si dia rapida ed adeguata risposta”.

CORRELATI
Video della frana di San Giovanni Profiamma

Frana a San Giovanni Profiamma

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*