Unipegaso

Foligno, violento temporale spezza la città in due, salvate persone bloccate in auto [FOTO E VIDEO]

I vigili del fuoco hanno soccorso tre automobilisti rimasti bloccati nei sottopassaggi allagati

Foto di Sauro Presenzini

Foligno, violento temporale spezza la città in due, salvate persone bloccate in auto

FOLIGNO – Un violentissimo temporale, accompagnato da forti raffiche di vento e anche da qualche grandinata, ha spezzato Foligno in due. E’ accaduto lunedì pomeriggio e i disagi si sono prolungati fino a tarda sera. Quattro ore da incubo quelle vissute ieri nel comprensorio folignate. La Polizia Locale, le squadre di pronto intervento del Comune, i vigili del fuoco, carabinieri e polizia hanno lavorato per ore mettendo in campo la macchina dei soccorsi. La città era allagata e paralizzata.

All’innesto tra la statale Foligno Civitanova e la Flaminia s’è reso necessario un intervento causato dall’intraversamento di un autoarticolato con conseguenze blocco, prima, e disagi poi, per la viabilità. Allagamenti tra piani bassi delle case, rimesse garage e, soprattutto, sottopassi stradali. I vigili del fuoco hanno soccorso tre automobilisti rimasti bloccati nei sottopassaggi allagati. In un sol colpo, chiusa e bloccata Via Piave, Via Campagnola, il sottopasso delle condotte, il sottopasso del Tigre e per un po’, anche il ponticello di Via Lazio.

Gli agenti della Polizia Locale hanno prestato aiuto ad automobilisti bloccati dall’acqua. In via Piave hanno aiutato due ragazze rimaste bloccate all’interno di una utilitaria immersa nell’acqua fino alle maniglie delle portiere. Problemi per allagamenti ci sono stati anche lungo la complanare che va da Cityper all’ex Onpi, mentre lungo la strada che va da Belfiore al vecchio tracciato della Ss77 Val di Chienti le squadre di pronto intervento del Comune sono intervenute per un movimento franoso. Problemi da acqua anche nel sottopassaggio pedonale della stazione quello che va da piazzale Unità d’Italia a piazzale della Pace.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*