Foligno, arrestato a Lucca il rom dal curriculum ricco di reati

Profughi lasciano ostello, a piedi lungo la E45
Profughi lasciano ostello, a piedi lungo la E45

Gli uomini del commissariato di Foligno hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di un rom del folignate C.P. (le iniziali) del 1984. L’uomo è stato arrestato a Lucca nella mattinata del 22 aprile 2015.

I reati a lui contestati sono molteplici. Si tratta di cinque furti aggravati, un tentato furto e una ricettazione di un ciclomotore rubato trovato in suo possesso. Tre dei furti sono avvenuti in abitazione, uno all’interno di un’autovettura in sosta, nel parcheggio dell’Ospedale di Foligno e l’altro all’interno della camera mortuaria sempre del nosocomio folignate.

Si è arrivati a lui a seguito delle denunce presentate e anche a delle segnalazioni fatte nell’immediatezza dei fatti.

Tutti gli atti hanno ricondotto allo stesso soggetto che ha agito in alcune situazioni in concorso con altre tre persone, due uomini e una donna, anch’essi rom sempre del folignate. A questi ultimi non è stata applicata la custodia cautelare in carcere, perché per il magistrato hanno avuto solo un ruolo marginale. Sono stati, pertanto, solo deferiti in stato di libertà.

La richiesta era stata avanzata dalla dottoressa Michela Petrini della Procura di Spoleto e il gip che ha emesso l’ordinanza è Daniela Caramico D’Auria.

L’arrestato adesso si trova nel carcere di Lucca.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*