Firenze, smantellata rete della cocaina, la base logistica era a Perugia

Nella notte tra il 13 e il 14 maggio, nell’ambito di una specifica attività d’indagine volta a reprimere i traffici di droga presenti nel capoluogo toscano, i militari del Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Firenze-Oltrarno, in prossimità della centralissima Piazza d’Azeglio, avevano tratto in arresto 3 cittadini albanesi e 1 donna romena, colti in flagranza del reato di spaccio di droga e successivamente sorpresi in possesso di oltre 1 kg di cocaina, già pronta per invadere il mercato dello stupefacente fiorentino, e di circa 30.000 euro in contanti. Già solo quel chilogrammo di cocaina purissima avrebbe fruttato oltre 125.000 euro, una volta consegnato agli spacciatori più piccoli.

Partendo da tale base investigativa e sempre sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Firenze nella personale del Sostituto Procuratore della Repubblica D.ssa Ester Nocera, i carabinieri del Nucleo Operativo Oltrarno hanno voluto salire di livello e provare a stroncare quell’intero traffico di cocaina, arrivando al fornitore principale. È stato così che, dopo 2 mesi di servizi di osservazione e pedinamento, con l’ausilio di mezzi tecnici, nella notte tra il 01 e il 02 luglio, i militari dell’Oltrarno hanno tratto in arresto un altro albanese, 40enne pregiudicato residente a Perugia, colto in flagranza del possesso di quasi 4 kg di cocaina altrettanto pura, che stava trasportando nella sua autovettura, pronta allo smercio. Quel quantitativo di droga gli avrebbe potuto fruttare almeno 500.000 euro.

L’arresto è avvenuto a Perugia, dove l’albanese aveva la propria base logistica e dalla quale faceva spola per Firenze, per vendere i grossi quantitativi di cocaina ai maggiori spacciatori (connazionali) della città, per l’Olanda, dove andava a rifornirsi dello stupefacente. L’uomo, sorpreso in autovettura con 3 kg di coca, è stato immediatamente arrestato e, la successiva perquisizione domiciliare condotta unitamente ai Carabinieri di Perugia ed alle unità cinofile dell’Arma, ha permesso di scovare, sotterrati in un fondo agricolo, un ulteriore chilogrammo di cocaina, oltre ad alcune migliaia di euro in contanti. L’uomo è stato associato alla casa circondariale di Perugia, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*