Finanza, sequestrati beni per oltre 200mila euro

Maxi truffa all’Inps, nove umbri nei guai

Finanza, sequestrati beni per oltre 200mila euro
Non effettuava i versamenti dell’IVA e delle ritenute d’acconto e per questo motivo una società tuderte, esercente la propria attività nel settore dell’edilizia non residenziale, è finita sotto la lente di ingrandimento della Guardia di Finanza.

In particolare, i militari della Tenenza di Todi, dopo un’accurata attività di investigazione, hanno scoperto che l’impresa in questione, operante  prevalentemente nell’Italia centrale,  con circa 25 dipendenti ed un importante volume d’affari, impegnata anche nei lavori di costruzione di rilevanti infrastrutture adibite a centri commerciali, aveva omesso di pagare imposte per oltre 750.000 euro.

Le Fiamme Gialle todine hanno quindi proceduto a denunciare il rappresentante legale all’Autorità Giudiziaria per i reati di omesso versamento dell’IVA e delle ritenute d’acconto, nonché al sequestro preventivo per equivalente di somme depositate presso conti correnti bancari, di un terreno agricolo e di un immobile per un valore complessivo di oltre 200.00,00 euro.

L’operazione posta in essere, oltre a confermare l’unicità della Guardia di Finanza quale organo di polizia giudiziaria con competenze specialistiche, si inserisce perfettamente nelle linee strategiche d’azione del Corpo, finalizzate ad aggredire i patrimoni indebitamente accumulati e a combattere il pericoloso fenomeno dell’evasione fiscale che, oltre a produrre considerevoli danni all’Erario, penalizza gli operatori del settore virtuosi.

Finanza

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*