Finanza e Dogana scoprono frode commercio auto a Castello, Fast Car

Marche di prestigio: BMW, Mercedes, Audi e Volkswagen

Spaccia hashish al centro storico di Foligno, preso dalla Finanza

Finanza e Dogana scoprono frode commercio auto a Città di Castello, Fast Car Ricavi non dichiarati all’Erario per oltre 6 milioni di Euro e nove persone denunciate all’Autorità Giudiziaria per reati fiscali ed associativi. Sono questi i principali risultati di un’intensa attività di indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Perugia e svolta dai Finanzieri della Tenenza di Città di Castello, in collaborazione con i funzionari del Servizio Antifrode delle Dogane di Perugia, nei confronti di un’associazione a delinquere che commercializzava nel nostro Paese autoveicoli provenienti dalla Germania. Erano tutte marche di prestigio: BMW, Mercedes, Audi e Volkswagen, ma sempre evitando di versare l’IVA e le Imposte Dirette.

Grazie al meccanismo disonesto, i responsabili dell’organizzazione hanno potuto mettere in vendita numerose autovetture a prezzi vantaggiosi, con evidenti effetti distorsivi nel mercato, a discapito della libera concorrenza. L’attività investigativa, dapprima incentratasi nei confronti di due ditte attive nell’Alta Valle del Tevere, ha portato alla luce il coinvolgimento nell’illecito traffico anche di altri operatori del settore con sedi nelle provincie di Perugia, Pesaro-Urbino ed Arezzo.

Il complesso meccanismo di frode si realizzava falsificando i documenti presentati all’Agenzia delle Entrate in modo da far risultare, all’atto dell’immatricolazione, che l’Iva era stata già assolta nel paese comunitario di provenienza della vettura, utilizzando i benefici del c.d. “regime del margine”, previsto per le cessioni intracomunitarie di beni usati. A tale scopo, avvalendosi di prestanomi residenti nelle Marche, erano state addirittura costituite due società in Germania, la cui funzione era quella di simulare acquisti intracomunitari e rendere più difficoltoso l’eventuale accertamento da parte delle competenti Autorità.

La complessità e l’ampiezza, anche territoriale, del disegno criminoso, non hanno tuttavia fermato gli inquirenti: attraverso la cooperazione delle Autorità Doganali Tedesche ed il successivo incrocio con la documentazione acquisita presso gli uffici della Motorizzazione Civile dei capoluoghi coinvolti si sono potuti ricostruire i vari passaggi e l’entità dell’evasione che ha riguardato la cessione di oltre 200 autovetture di lusso.

La lotta alle frodi fiscali, che rientra tra i fenomeni più complessi di illegalità fiscale, costituisce un obiettivo primario delle Fiamme Gialle: tutelare l’economia legale e le imprese rispettose delle regole, nonché i consumatori.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*