Fiera dei morti, sequestrati da finanza centinaia di prodotti contraffatti

Fiera dei morti, sequestrati da finanza centinaia di prodotti contraffatti

Fiera dei morti, sequestrati da finanza centinaia di prodotti contraffatti
Importante dispositivo di prevenzione e contrasto messo in campo anche quest’anno dalla Guardia di Finanza perugina nei giorni della tradizionale “Fiera dei morti” per impedire che i numerosissimi ambulanti di origine extracomunitaria, richiamati dall’importanza dell’evento anche da regioni limitrofe, occupassero gli spazi pubblici per commercializzare illecitamente borse, scarpe, giubbotti e vari accessori, tutti rigorosamente contraffatti.

Centinaia i capi contraffatti sequestrati dai Finanzieri del Gruppo di Perugia e due i clienti sanzionati per averli acquistati, pur nella consapevolezza della loro provenienza illecita ma, evidentemente, attratti dal desiderio di possedere un capo “griffato” ad un prezzo appetibile.

Nei confronti di quest’ultimi, oltre al sequestro del capo contraffatto, sono state comminate sanzioni in applicazione della nuova normativa di riferimento che prevede una pena pecuniaria compresa tra i 100 e i 7.000 euro. Il cliente ha, infatti, l’obbligo di accertarsi che i beni in vendita siano di legittima provenienza.

In tal senso, le norme attualmente in vigore prevedono che la qualità del prodotto, le modalità di vendita e l’entità del prezzo, debbano indurre il consumatore, dotato di ordinaria diligenza, a ritenere che siano state violate le norme in materia di origine e provenienza dei prodotti, facendolo quindi desistere dall’acquisto.

Per tutelare i consumatori, dal 2014, è consultabile il sito internet https://siac.gdf.it, un’innovativa piattaforma informatica che illustra il Sistema Informativo Anti-Contraffazione (S.I.A.C.), progettualità co-finanziata dalla Commissione Europea ed affidata dal Ministero dell’Interno alla Guardia di Finanza, dove sono offerti, tra l’altro, ai cittadini informazioni e consigli utili sul mondo della contraffazione.

Fiera dei morti

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*