Festa di San Costanzo a Perugia e il torcolo rubato infilato dentro le tasche VIDEO

Una corsa a chi prendeva più torcoli. Ma che motivo c'è per rubacchiare il torcolo così?

Festa di San Costanzo a Perugia e il torcolo rubato infilato dentro le tasche

Festa di San Costanzo a Perugia e il torcolo rubato infilato dentro le tasche

PERUGIA – I 220 torcoli di San Costanzo oggi sono stati letteralmente presi d’assalto dai cittadini. Non un pezzo, ma due, tre e anche più. Gente che lo infilava dentro i sacchetti trasparenti e lo portava via a casa. Altri lo mettevano dentro la tasca delle giacche o dei pantaloni, chi a mani nude e senza tovagliolo lo metteva dentro le borse. Insomma vere e proprie scene da ladri, alcune poco dignitose. Una corsa a chi prendeva più torcoli. Ma che motivo c’è per rubacchiare il torcolo così?

«Vedere abbuffarsi e portar via a manciate dentro le borse pezzi di torcolo di San Costanzo e “leccare” letteralmente con le dita le briciole… senza dare spazio a chi sta dietro di te di arrivare a prenderne un pezzetto… sinceramente mi sembra esagerato… da “fame del dopoguerra”. La tradizione e l’opportunità data dalle istituzioni e dai forni cittadini è bellissima, meritevole… ma scene del genere, delle quali siamo noi responsabili, sono veramente disgustose». Questo quanto scritto oggi sui social dopo la festa.

«Chi si abbuffa in questa maniera poco “dignitosa”– scrive una signora su facebook –  non sono le persone meno abbienti ma signore e signori ben vestiti e con un tenore di vita che consentirebbe loro di comprarsi un torcolo tutto per loro!»

Un altro scrive: «Ho visto persone che hanno preso una ventina di pezzi…vergogna» E’ buono il torcolo, ma lo ancora di più quando questo è gratis. «È sempre stato così quando qualcosa è gratis, la gente si tuffa a pesce!!!! Qualcuno ha anche pranzato con il torcolo». E’ scritto sul social.

«Ci vorrebbero le transenne strette – dice un altro -, che lasciano passare una persona alla volta e la consegna di un solo pezzo per forno alle persone che passano, non quella ressa indegna per una cosa che trovi tutto l’anno nei forni».

Da anni si assiste a questo è purtroppo ogni qualvolta ci sono occasioni simili le persone perdono la dignità. Ci vorrebbe un bel freno e controlli maggiori, il gratis attira se poi è il buonissimo torcolo tradizionale, ancora di più.

Print Friendly, PDF & Email

3 Commenti

  1. Sinceramente,oltre questa fame da dopoguerra, ho visto pure ,al termine di tutto,un’addetta al servizio che infilava una bottiglia di vin santo nella borsa di una signora cosiddetta x bene !!!che la stessa aveva cura di coprire con una busta x poi chiudere la borsa!ma si può???direi maggior controlli anche su chi dustribuisce…

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*