Ferentillo, esursionista muore durante una passeggiata

La giornata festiva soleggiata ha favorito le attività sportive in montagna, ma purtroppo un escursionista di 76 anni è deceduto ed un altro di 48 anni si trova ricoverato al S.Maria della Misericordia di Perugia per gravi lesioni alla colonna e fratture agli arti inferiori. In entrambe le operazioni di soccorso si è reso necessario l’intervenuto dei sanitari dell’elicottero Icaro partito dalla postazione di Fabriano.

Nel primo caso si è trattato di un malore che ha determinato il decesso per arresto cardiocircolatorio senza alcuna possibilità per gli operatori sanitari di effettuare azioni rianimatorie. L’uomo stava effettuando una semplice passeggiata in montagna quando si è accasciato a terra. È stato escluso che le cause siano collegate ad una caduta. Il corpo dell’uomo, che risiede in provincia di Terni è stato portato a valle e non sono stati disposti accertamenti da parte dell’Autorità Giudiziaria. Il fatto è avvenuto nella tarda mattinata nella zona sovrastante la città.

Nel primo pomeriggio, esattamente alle 14.30 la seconda richiesta di soccorso pervenuta alla centrale del 118 unico regionale. Un uomo di 48 anni, residente a Napoli, mentre in compagnia di amici si trovava in Valnerina, precisamente a Castelluccio di Norcia, è precipitato per diversi metri mentre stava utilizzando un parapendio. Soccorso grazie ad un verricello azionato dal personale sanitario, l’uomo veniva trasferito in elicottero all’ospedale di Perugia. I primi accertamenti, come informa una nota dell’ufficio stampa dell’Azienda Ospedaliera di Perugia, hanno evidenziato un trauma impegnativo alla colonna che dovrà essere monitorato nelle prossime 72 ore, oltre a fratture agli arti inferiori. I sanitari del Pronto Soccorso hanno disposto il ricovero nella struttura di Neurochirurgia, con prognosi riservata.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*