Febbre catarrale degli ovini in Umbria, nessun pericolo per gli esseri umani

In riferimento all’arrivo della Bluetongue (BT) che ha colpito alcuni allevamenti ovini in Umbria, il dipartimento di prevenzione della USL Umbria 1 fornisce alcuni chiarimenti affinché non si diffondano inutili allarmismi tra la popolazione e conferma che non esiste alcun rischio di contagio per l’uomo. La febbre catarrale degli ovini, più comunemente chiamata Bluetongue, è una malattia infettiva virale non contagiosa dei ruminanti, e in particolare degli ovini (nei quali si manifesta in forme più gravi), che viene trasmessa da insetti appartenenti al genere Culicoides. Dall’estate del 2000, anno in cui la Bluetongue è stata confermata per la prima volta in Sardegna, in Italia è stata rilevata la circolazione di alcuni (BTV1, 2, 4, 8, 9 e 16) dei 26 sierotipi attualmente conosciuti.

Si tratta di una malattia non trasmissibile all’uomo né attraverso gli animali né attraverso gli insetti né tramite consumo delle produzioni di carne, latte e derivati (cioè, tecnicamente, non è una zoonosi).

“E’ importante che i consumatori sappiano – rassicura Antonio Ruina, direttore del dipartimento di prevenzione della USL Umbria 1 – che alimentarsi con la carne, il latte e i suoi derivati non crea alcun problema alla salute. Per cui si possono continuare ad acquistare con tranquillità i prodotti presenti sia nella grande distribuzione sia presso le aziende che fanno vendita diretta, considerando che i veterinari del dipartimento controllano sia gli animali all’interno degli allevamenti sia i prodotti da essi derivati”.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*