Evadono le tasse e con quei soldi comprano aziende in crisi

Le indagini hanno permesso di disvelare un articolato meccanismo di intrecci societari

Maxi truffa all’Inps, nove umbri nei guai

Evadono le tasse e con quei soldi comprano aziende in crisi

Con soldi derivanti dall’evasione fiscale compravano aziende in grosse difficoltà economiche, e in tempo di crisi ce ne sono. È quanto avrebbe scoperto la guardia di finanza di Arezzo nell’ambito di un’inchiesta coordinata dal procura aretina. I militari da questa mattina stanno dando esecuzione a diversi decreti di perquisizione e sequestro anche in Umbria, oltre che in Toscana, Lazio, Campania, Veneto e Sardegna.

Le operazioni delle Fiamme Gialle coinvolgono 20 soggetti che “appropriandosi del ‘nero’ creato grazie all’emissione e all’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti e approfittando della difficile congiuntura economica, hanno poi reimpiegato tali provviste nell’acquisizione, anche tentata, di grandi aziende, che attraversavano un periodo di crisi finanziaria ed operano in settori strategici dell’economia nazionale”.

Le indagini hanno permesso di disvelare un articolato meccanismo di intrecci societari che coinvolgevano aziende rivelatesi “cartiere”, ossia del tutto inoperanti, che venivano utilizzate per drenare ingenti somme di denaro da dirottare sui conti correnti personali e dei familiari dei partecipi del sodalizio, alla cui organizzazione e funzionamento hanno contribuito vari consulenti e professionisti, permettendogli di condurre e mantenere un elevato tenore di vita.

Evadono

1 Commento su Evadono le tasse e con quei soldi comprano aziende in crisi

  1. Di certo per essere arrivati a questo punto direi,se’scoperti,impossibile di non ottenere la bancarotta o che tramite la possibile bancarotta,che mai esiste,vengono scoperti,ma sono certa che l’Industria(Aziende)godono di immunita’,varie immunita’.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*