“Esserci sempre”, Perugia, 163esimo anniversario della fondazione della Polizia di Stato

All’insegna del tema celebrativo “Esserci sempre”, volto a sottolineare l’impegno e la presenza costante dell’Istituzione al fianco dei cittadini, domani 22 maggio, la Polizia di Stato festeggerà il suo 163° Anniversario di Fondazione.

La celebrazione, improntata anche quest’anno alla massima sobrietà, prenderà inizio alle ore 8.30 con la deposizione, alla presenza del Sottosegretario al Ministero dell’Interno On. Gianpiero Bocci, del Prefetto e del Questore, di una corona di alloro in ricordo dei tanti Caduti della Polizia di Stato che hanno sacrificato la loro vita nell’adempimento del dovere.

La giornata proseguirà con la cerimonia celebrativa che si svolgerà, dalle ore 9.30, presso la Sala Auditorium del Centro Congressi “Capitini” cui parteciperanno le massime autorità, le rappresentanze dei reparti della Polizia di Stato presenti nella provincia, la Sezione A.N.P.S. e gli alunni dell’ITET “A.Capitini-V.Emanuele II-A.di Cambio” e dell’ Istituto d’Istruzione Superiore “ Giordano Bruno”.

E’ prevista la partecipazione del Gruppo Vocale e Strumentale dell’Istituto “G.Bruno”, diretti dal Maestro Mauro Chiocci ed accompagnati al pianoforte da Ettore Chiurulla che eseguiranno in apertura una “Rapsodia Alpina” dedicata al Centenario della 1^ Guerra Mondiale ed in chiusura verrà eseguito l’Inno Nazionale.

La cerimonia si concluderà con la consegna di riconoscimenti per merito e per servizio al personale della Polizia di Stato che si è particolarmente distinto nel corso di operazioni di Polizia.

[divider]

Esserci, per rinnovare
di Alessandro Pansa

Questo 22 maggio festeggiamo il 163° anniversario della nostra fondazione; e a questa Festa, la seconda che ho l’onore di celebrare come Capo, vorrei dare – e vorrei aggiungere, finalmente – i toni dell’ottimismo.
Ottimismo non solo per i segnali di una ripresa generale del Paese, ma anche, dopo tante stagioni difficili, per i successi e le prospettive della Polizia di Stato. All’interno di una situazione che resta finanziariamente pesante per tutte le amministrazioni pubbliche, per il secondo anno consecutivo abbiamo ricevuto più risorse rispetto all’anno precedente. Era già accaduto nel 2014 rispetto al 2013, ed è accaduto di nuovo in questo 2015 rispetto al 2014. Mi sembra opportuno sottolineare come la scelta di non tagliare – e anzi aumentare – le risorse per la Polizia di Stato manifesti l’apprezzamento del Governo nei confronti della qualità e della quantità del nostro lavoro. Per questo voglio ringraziare il presidente del Consiglio, il ministro dell’Interno, ma anche ciascuno delle donne e degli uomini che indossano la nostra divisa.
Con ciò non intendo dire che ci siamo messi alle spalle tutti i problemi. So bene quanto siano sacrificate le retribuzioni dei poliziotti e quanto restino insufficienti le risorse per la manutenzione delle sedi e per il rinnovo dei mezzi; e difatti state certi che il mio primo pensiero di ogni giorno, fino a che durerà il mio mandato, sarà quello di rendere progressivamente sempre più sicure e più soddisfacenti le condizioni in cui voi dovete lavorare. Voglio dare atto però che già oggi la Polizia di Stato è parte integrante e attiva di un processo di rinnovamento del Paese con la sua capacità di garantire elevati livelli di sicurezza anche dinanzi alle dimensioni dei fenomeni criminali e ai forti cambiamenti sociali ed economici in atto.
Mi sembra dunque giusto, in questa occasione, ricordare ciò che di buono abbiamo fatto in questi ultimi dodici mesi. Dovrei davvero fare un lungo elenco; ma qui mi limiterò a menzionare quel che a me pare più significativo. In Italia sono arrivati 170mila migranti. Un numero enorme, la più grande migrazione che abbia investito il nostro Paese nei tempi moderni. Abbiamo accolto – e spesso salvato – questa marea di esseri umani, li abbiamo curati, nutriti, alloggiati. E tutto questo senza il diffondersi di epidemie, senza sommosse, senza sangue. Sul fronte dell’ordine pubblico, in un anno di acute tensioni sociali, siamo riusciti a garantire a tutti la possibilità di manifestare senza – anche qui – che si sia verificato alcun grave incidente. E non era scontato neppure che il terrorismo, di matrice islamica o interna, non colpisse sul nostro territorio con quelle azioni sanguinose che hanno purtroppo funestato altri Paesi a noi vicini.
Ogni poliziotto, pensando a questi risultati, dovrebbe sentirsi con una ideale Medaglia al valore appuntata sul petto. Io sono orgoglioso di voi. Buona Festa e un affettuoso augurio a voi e alle vostre famiglie.

[embeddoc url=”http://www.umbriajournal.com/wp-content/uploads/2015/05/INSERTO_DATI-PARTE-1.pdf” download=”all” viewer=”google”] [embeddoc url=”http://www.umbriajournal.com/wp-content/uploads/2015/05/INSERTO_DATI-PARTE-2.pdf” download=”all” viewer=”google”]

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*