Esplosione Turrita di Montefalco: restano gravissime condizioni coniugi

uvs130707-001di Mario Mariano (Ufficio Stampa Az. Osp. Perugia)
I medici della centrale del 118 di Perugia si sono messi nel tardo pomeriggio di oggi lunedi 8 Luglio  in contatto con i colleghi dei centri di Cesena  e Pisa per gli aggiornamenti  sulle condizioni dei due giovani coniugi di Montefalco, rimasti gravemente feriti dalla scoppio di una bombola. Le condizioni restano gravissime ; “sostanzialmente stazionarie, rispetto a ieri, al momento dell’arrivo nei due centri”, è stato riferito loro.  La prognosi resta pertanto decisamente  riservata. E’ stato anche  precisato che entrambi si trovano in ambienti sterili,  aiutati nella respirazione da apposite apparecchiature. I sanitari dei due ospedali hanno anche fatto sapere  che non potranno rispondere alle tante telefonate che sono state ricevute dal centralino dei due Ospedali , da persone che si sono qualificate per  amici e parenti dei due giovani. Si è appreso  tuttavia che alcuni parenti della coppia si sono recati nei due ospedali in segno di solidarietà e partecipazione.

Di contro  migliorano costantemente le condizioni del neonato, figlio della coppia,  ricoverato presso la Unità di Terapia Intensiva del S. Maria della Misericordia. I medici riferiscono: “Il neonato non respira ancora autonomamente anche perché è frequentemente assopito, ma il monitoraggio dei parametri vitali prosegue con esiti soddisfacenti. Gli ulteriori esami saranno importanti per decidere se procedere con la respirazione autonoma”, ha dichiarato  all’Ufficio Stampa dell’Azienda Ospedaliera, la Dott.ssa Francesca Di Genova dirigente medico  della Neonatologia del nosocomio perugino.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*