Escono dal carcere, albanese e algerino, subito a casa loro

SI TRATTA DI DUE RAPINATORI RIMPATRIATI ALL’USCITA DAL PENITENZIARIO

Escono dal carcere, albanese e algerino, subito a casa loro

Escono dal carcere, albanese e algerino, subito a casa loro

Perugia – Nei giorni scorsi la Polizia di Stato ha eseguito due provvedimenti di espulsione con conseguente rimpatrio di altrettanti cittadini stranieri. In particolare, un cittadino albanese del ’90 in carcere per scontare 7 anni, 8 mesi e 20 giorni, per furto aggravato e che avrebbe riacquistato la libertà a breve, è stato colpito da provvedimento del Tribunale di Sorveglianza di Perugia, che gli ha applicato il rimpatrio come misura alternativa alla detenzione.

Lo straniero, pregiudicato per ricettazione, reati contro il patrimonio, lesioni personali, rapina aggravata e rissa, è stato imbarcato su di un volo per Tirana e non potrà fare rientro in Italia per un quinquennio. Stessa sorte per un algerino del ’63.

L’uomo, entrato in Italia nel lontano 1989 era detenuto a Capanne per scontare una condanna a 2 mesi e 18 gironi di reclusione, per rapina. Poiché, al momento della scarcerazione, non avrebbe avuto alcun titolo a permanere nel territorio nazionale, ad attenderlo fuori dall’Istituto di pena c’erano i poliziotti che, con volo per Algeri, lo hanno scortato fino in Patria.

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*