Erbacce di via Cestellini aspettano di finire sul New York Times

Ponte San Giovanni piazza del mercato 001

da Gino Goti
E’ forse l’ironia che contribuisce a sopportare certe situazioni incomprensibili. Da oltre un mese giungono segnalazioni delle erbacce sul marciapiede davanti alla caserma dei carabinieri e alla piazza del mercato a Ponte San Giovanni. “Forse aspettano che anche le erbacce di via Cestellini finiscano sul New York Times come quelle di Roma” dice uno del gruppo dei pensionati che ogni mattina si ritrova sulle panchine ombrose tra il CVA e la piazza del mercato a parlare di ciclismo, di sport in genere, di pensioni, di politica locale e nazionale, dei problemi di Ponte San Giovanni.

“Se aspettano un altro po’, può darsi che, dall’America, arrivino anche le telecamere della CNN” aggiunge sconsolato un altro cittadino. Cero ci sono problemi molto più grossi delle poche ma brutte erbacce del marciapiede di via Cestellini, un breve tratto rispetto a tutto il resto della strada che è stato curato. “Le cose sono due – aggiunge il terzo – o qualcuno ce l’ha coi carabinieri o col mercato! Se non se spiega perché solo quel pezzo è rimasto trascurato”. E’ veramente un mistero, piccolo ma interessante da chiarire.

Da altre zone del “Ponte” si esprime invece soddisfazione perché anche il tratto di staccionata di legno pericolante, attorno all’area verde di via Mandolini a Pieve di Campo, è stata sostituita prontamente dopo la segnalazione dei cittadini. Gioie e dolori, insomma, si alternano quotidianamente, ma c’è da dire che molti ponteggiani si impegnano a collaborare con le istituzioni per tutelare il proprio territorio. Certo ci vorrebbe la potenza e l’autorità di un altro Carlo Magno che, prima del 1000, obbligava i cittadini del suo vasto impero a dedicare, gratuitamente, allo stato 3 o 4 giorni all’anno per la custodia del territorio in cui abitavano. Erano altri tempi e Carlo Magno aveva altri poteri e, forse, altro amore per la tutela del suo impero anche dal punto di vista del decoro e della manutenzione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*