Emergenza culturale a Terni, recupero fontana “Thyrus”  

Thyrus, la vascaRipartire dal simbolo e dal patrimonio per sollevarsi dal disorientamento sociale e dall’emergenza culturale che attanaglia la città. Un contributo concreto è stato messo in campo da Italia Nostra, che nei mesi scorsi ha formulato una proposta ad ASM e Comune di Terni per la salvaguardia e la valorizzazione di un luogo caro ai cittadini, ossia la fontana dei giardini di Lungonera, progettata negli anni ‘50 per ospitare quella che è l’unica scultura a tutto tondo -quindi l’unico micro monumento- dell’antico simbolo di Terni: il Thyrus, un animale fantastico dalle sembianze di un drago che, secondo la leggenda, abitava le paludi intorno alla città, infestando col suo fetore le zone circostanti. Una statua presumibilmente riferibile al XV secolo, che, dopo essere stata custodita in varie sedi, da più di sei decadi si trova lì, in mezzo ad un’isola di pietra sponga immersa nella vegetazione e circondata da una fontana di superficie (che emula le paludi in cui si credeva vivesse il misterioso drago) di fronte a una delle strade più transitate limitrofe al centro.

Da diversi anni l’incuria ne ha minato perfino l’esistenza; il Thyrus molto spesso viene ricoperto dalla vegetazione e ora più che mai si trova in pericolo visto che l’impianto idrico della fontana è guasto, lasciando che chiunque lo possa raggiungere con facilità, danneggiandolo ulteriormente o perfino sottraendolo ai ternani.

Italia Nostra si è adoperata per sensibilizzare l’azienda multi servizi, proponendo un modello di recupero competente e ispirato a principi di trasparenza, parzialmente analogo a quello messo in atto per la Fontana di piazza Tacito. L’ASM ha dimostrato sensibilità e interesse, mettendo sin dal marzo scorso a disposizione le proprie competenze professionali per il ripristino dell’impianto idrico e per un nuovo impianto di illuminazione della fontana e della statua in modo tale da renderle perfettamente godibili non solo dai frequentatori del parco, ma anche dagli automobilisti che percorrono Lungonera.

Da parte sua il Comune di Terni dovrebbe preoccuparsi della pulizia della vasca, attualmente imbrattata da scritte improprie e da sporcizia, nonché della manutenzione della recinzione e della soglia che in questi anni hanno subito vari danneggiamenti.

Servirà poi riprogettare la vegetazione dell’isola, evitando che talune essenze pregiudichino la buona conservazione della statua. Al contempo il Comune di Terni ha inoltrato una richiesta formale di interessamento alla Fondazione Carit per il restauro della scultura, bene culturale tutelato dalla Soprintendenza Beni Storici Artistici Etnoantropologici dell’Umbria.

La valorizzazione di questo luogo non dovrebbe apparire come un atto dovuto, quindi strumentale, ma come un gesto di rispetto di quella che è l’identità e l’orgoglio civico dei ternani, giustamente affezionati al proprio simbolo, che oggi più che mai devono aggredire il ristagno culturale e la tentazione di cancellare le proprie radici. In tal senso il recupero della fontana e del Thyrus non può che avere anche un significato fortemente apotropaico!

 

Giuseppe Cassio

Vice Presidente Italia Nostra – Terni

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*