Edilizia, sequestrato cantiere di lavoro a Todi

Nel quadro dei controlli presso i cantieri edili, pianificati dal Comando Provinciale Carabinieri di Perugia e dalla Direzione Territoriale del Lavoro Umbria sede di Perugia, nei giorni scorsi, sono continuate nel marscianese le attività ispettive finalizzate a contrastare il fenomeno del lavoro “nero” e verificare, nel contempo, il rispetto delle prescrizioni di sicurezza e di salute da attuare suoi luoghi di lavoro.

L’attività di verifica, posta in essere dai Carabinieri delle Nucleo Ispettorato del Lavoro, in perfetta sinergia con quelli della Stazione CC di Spina e funzionari della citata Direzione Territoriale del Lavoro, ha portato a riscontare diverse irregolarità presso un cantiere allestito per la costruzione di civile palazzina.

In particolare, sono stati sorpresi due lavoratori in “nero”, uno dei quali alla vista dei Militari si è allontanato velocemente dal cantiere, alla cui identità gli investigatori sono comunque pervenuti grazie ai successivi accertamenti, ed è stata riscontrata l’inosservanza di numerose prescrizioni minime di sicurezza sui luoghi di lavoro quali il non adeguato ancoraggio del ponteggio, elevato in assenza del prescritto progetto e da parte di personale non professionalmente idoneo, non sono state adottate le cautele per evitare la caduta di materiali e non sono stati adottate le prescritte misure per evitare – nei lavori in quota – la caduta dei lavoratori ed altro.

Per tali ragioni, il titolare dell’impresa edile è stato deferito all’Autorità Giudiziaria e si è proceduto al sequestro preventivo del cantiere edile sottoposto a controllo ispettivo per evitare che stesso, privo come già detto delle minime misure di sicurezza, possa creare pericolo per la sicurezza dei lavoratori. Nello stesso ambito è stato altresì deferito il tecnico di cantiere, coordinatore per la sicurezza, per non aver effettuato le prescritte verifiche delle condizioni di sicurezza e irrogate complessivamente sanzioni per circa 18.000 Euro.

La particolare attività di vigilanza rientra in un più vasto coordinamento, siglato da un protocollo di intesa, che vede coinvolti i Reparti Territoriali e Speciali dell’Arma dei Carabinieri ed il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, finalizzato a sviluppare una sempre maggiore ed incisiva attività di vigilanza sul territorio, per la tutela del lavoro sia in materia previdenziale ed assistenziale, che di prevenzione infortuni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*