DVD E VIDEO PEDOPORNOGRAFICI, ARRESTATI GESTORI SEXY SHOP

15972-1-polizia-delle-comunicazioni(umbriajournal.com) PERUGIA – Nella giornata di giovedì 4 Luglio, personale del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni di Perugia, coadiuvato da personale del Compartimento di Firenze, a seguito di un’articolata attività d’indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Perugia, ha dato esecuzione a 10 provvedimenti di perquisizione personali e domiciliari, per il reato di diffusione e detenzione di materiale pedopornografico a carico di 9 cittadini toscani (tutti residenti nelle province di Firenze e Grosseto), due dei quali, titolari di un negozio di videonoleggio e sexy shop di Firenze, sono stati tratti in arresto in flagranza di reato.

L’indagine ha preso le mosse dall’arresto, in data 16 Aprile c.a., di un medico perugino trovato in possesso di una notevole quantità di materiale pedopornografico.

I successivi accertamenti svolti dal personale della Polizia Postale e delle Comunicazioni di Perugia, coordinati dal Sostituto Procuratore Dr. Massimo Casucci, hanno permesso di individuare la fonte di approvvigionamento di parte del materiale illecito detenuto dal medico (tuttora ristretto in carcere) che, oltre a scaricare dalla rete, si riforniva presso il negozio di Firenze. L’attività di indagine nei confronti dei fratelli gestori del negozio (anche se solo uno dei tre ne risulta formalmente titolare), ha permesso di acquisire ulteriori elementi circa l’attività parallela svolta dagli stessi, i quali potevano contare su un buon numero di clienti che ordinavano DVD con contenuti pedopornografici.

Le perquisizioni hanno dato esito positivo anche per tre dei 6 clienti perquisiti. All’interno del negozio e nell’auto di uno dei titolari sono stati rinvenuti numerosi DVD contenenti oltre 150 video pedopornografici, ed alcuni computers utilizzati per la realizzazione degli stessi. L’attività di indagine prosegue per individuare altri clienti e per stabilire le esatte modalità di approvvigionamento del materiale illecito da parte degli arrestati che sono stati ristretti presso il Carcere di Sollicciano a disposizione dell’Autorità Giudiziaria procedente.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*