Due tunisini denunciati per ricettazione, avevano due cellulari rubati

Si tratta di M.K., del 1981 e di S.D., del 1989

Rapina cellulare in discoteca a Perugia, smascherato dalle foto su Facebook

Due tunisini denunciati per ricettazione, avevano due cellulari rubati

Controlli straordinari della Polizia a contrasto dei reati di microcriminalità, in Via Cortonese.

Gli agenti delle “Volanti” hanno notato i movimenti di due giovani pregiudicati tunisini, sospettati di trasportare o detenere sostanza stupefacente.

Il nervosismo manifestato dai due pregiudicati, difatti, ha reso necessario un controllo più accurato, pertanto i due sono stati accompagnati in Questura per una compiuta identificazione e per essere sottoposti a perquisizione personale.

L’attività perquisitoria si concludeva con esito negativo per quanto riguarda gli stupefacenti, ma consentiva di rinvenire, nelle tasche dei due tunisini, due telefoni cellulari, con all’interno delle schede SIM, dei quali, davanti all’evidenza, i due non sapevano giustificare il possesso se non con un maldestro e pretestuoso  tentativo di dissimulazione, riferendo che i due telefoni cellulari erano stati da loro rinvenuti, casualmente, presso l’ospedale “Santa Maria della Misericordia”.

Ovviamente i poliziotti, data l’evasività delle predette giustificazioni, procedevano all’immediato sequestro dei due telefoni con schede ed alla segnalazione in stato di libertà, all’Autorità Giudiziaria, dei due tunisini per il delitto di “ricettazione”.

Saranno successivi accertamenti ad accertare l’identità dei legittimi proprietari dei telefoni e delle schede, nonché a stabilire le modalità con cui i due pregiudicati ne siano entrati in possesso.

I due tunisini fermati e denunciati: M.K., del 1981, regolarmente soggiornante in Italia ma con numerosi trascorsi e precedenti in materia di immigrazione, droga e delitti contro il patrimonio; l’altro, S.D., del 1989, con analoghi precedenti per vari reati nonché irregolare sul territorio nazionale: a tal riguardo, è stato attivato altresì il locale Ufficio Immigrazione ai fini dell’avvio delle procedure di espulsione dal territorio nazionale.

Tunisini

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*