Droga Perugia, polizia smantella banda al Parco Santa Margherita

Un arresto e ottanta grammi di stupefacenti sequestrati

Spacciatori al Parco Sant'Anna Perugia sgomberato appartamento

Droga Perugia, polizia smantella banda al Parco Santa Margherita

La Sezione “Antidroga” della Squadra Mobile ha eseguito una brillante operazione di Polizia Giudiziaria, conclusa nei giorni scorsi, all’esito di uno specifico servizio volto al contrasto del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti a Perugia.

In particolare, gli uomini della Mobile hanno osservato e monitorato la zona del parco denominato “Santa Margherita”, ove alcune segnalazioni lo indicavano come il sito di strani movimenti ad opera di soggetti di etnia maghrebina.

Sul posto, in maniera estremamente riservata, i poliziotti hanno setacciato l’area e, all’interno di un piccolo casotto in legno, hanno notato uno zaino con all’interno alcuni effetti personali e 2 (due) involucri in cellophane contenenti una polvere giallastra, che le successive analisi chimiche in laboratorio permetteranno di stabilirne la natura oppiacea per più di 80 grammi.

Immediata l’organizzazione di un servizio di appostamento: gli agenti, ben nascosti tra gli alberi ed i cespugli, dopo qualche minuto hanno visto arrivare sul posto un tunisino sorpreso, all’interno del casotto, a rovistare nello zaino ed a prelevare parte della droga.

Immediato il blitz: l’uomo veniva bloccato ed accompagnato in Questura. Perquisito, veniva trovato in possesso di sostanza da taglio del tipo “mannitolo” per circa 10 grammi, materiale per il confezionamento delle dosi (cellophane), ben 3 (tre) telefoni cellulari attivi, con altrettante utenze, chiaramente utilizzate per l’attività di spaccio dello stupefacente, ed infine uno smartphone ed un computer portatile di certa provenienza furtiva.

Il tunisino, identificato per H.N., del 1967, pluripregiudicato, irregolare sul territorio nazionale e senza fissa dimora, veniva così tratto in arresto in flagranza di reato per i delitti di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e ricettazione e, d’intesa con il Pubblico Ministero, trasferito a Capanne; la droga e la refurtiva sottoposti a sequestro probatorio: l’I-Phone ed il PC portatile, in particolare, a breve saranno restituiti ai legittimi proprietari.

Innumerevoli i precedenti del fermato: già nel 1994 venne arrestato a Salò (Bs) per furto, nel 1996 espulso dal Questore di Trento, nel 1998 espulso dal Questore di Agrigento, nel 1999 arrestato a Milano per rapina, espulso nel 2001 dal Questore di Nuoro, denunciato per falso dalla Polizia di Verona nel 2002, arrestato per spaccio dalla Questura di Trento nel 2002, denunciato ad Ancona nel 2008 sempre per motivi di traffici di droga, arrestato dai Carabinieri di Ancona, sempre per droga, nel 2011, e denunciato diverse volte a Perugia per furto, ricettazione e violazione di domicilio.

Senza dover andare troppo indietro nel tempo, soltanto lo scorso dicembre è stato arrestato dalle “Volanti” di Perugia per tentato furto aggravato.

Droga Perugia

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*