Droga e furti in appartamento, polizia effettua due arresti a Terni

Era destinato al mercato locale lo stupefacente che ieri la Squadra Mobile, coordinata dal Vice Questore Aggiunto Dr. Alfredo Luzi, ha recuperato presso l’abitazione di un 17enne ternano.
I controlli straordinari effettuati nelle precedenti settimane, intensificati proprio in previsione della chiusura delle scuole e dell’inizio della stagione estiva, hanno portato gli investigatori sulla pista del minore, a quanto pare molto impegnato a spacciare ai suoi coetanei elevate quantità di stupefacente di tipo marijuana e pasticche.
Le intense attività di controllo e di osservazione, effettuate unitamente alla Squadra Volante nei locali della movida ternana, hanno permesso di delineare un quadro preciso dei metodi di approvvigionamento messi in atto dai vari pusher che forniscono materiale da “sballo” ad una clientela giovane e disponibile.
Così, l’altra sera gli investigatori hanno seguito T. D. che, con fare furtivo, ha incontrato alcuni ragazzi, si è allontanato, per poi tornare alcuni minuti dopo: infatti, il giovane aveva il “deposito” dello stupefacente proprio nel suo garage condominiale.
La successiva perquisizione ha permesso di rinvenire, all’interno del box, ben celata, una significativa quantità di droga sintetica (MDMA), già suddivisa in bustine di 0,30 gr (circa 50 dosi) e 50 gr. di marijuana, ancora da “preparare” per lo spaccio; inoltre, all’interno di scatole di pomodoro, tutto il necessario per la preparazione e per il confezionamento (bilancini di precisione, bustine e ritagli di cellophane, etc.). Per lui è stato disposto l’arresto dal Pubblico Ministero Flaminio Monteleone.

E’ minore anche il ragazzo rom arrestato dalla Squadra Volante, colpevole di un tentativo di furto commesso con la complicità di due giovanissime rom (di cui una in avanzato stato interessante) .
Grazie alla tempestiva segnalazione di una cittadina che aveva notato il terzetto che, con fare furtivo, si stava allontanando da un’abitazione dalla quale era appena sceso il minore arrestato, e che ha fotografato l’evento, restando al telefono con l’operatore del 113, la pattuglia inviata è arrivata immediatamente sul posto e ha potuto fermare il trio e ad accompagnandolo in questura per gli accertamenti. All’atto del fermo, tutti e tre si sono dichiarati minori di anni 14, pertanto non imputabili, ma un attento esame

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*