Donna uccisa a Perugia, marito è in isolamento

Rosi non ha potuto ancora incontrare il suo difensore, l'avvocato Luca Maori, in quanto il pubblico ministero ha disposto il divieto di colloquio per tre giorni.

Donna uccisa a Perugia, marito è in isolamento in cella singola

Francesco Rosi è in isolamento nel carcere di Perugia, tenuto costantemente sotto controllo.Il quarantatreenne è stato arrestato ieri sera per avere ucciso la moglie Raffaella Presta, 40 anni, avvocato, sparandole contro uno o due colpi di fucile nella loro casa.

L’uomo sarebbe ancora in stato di choc e attualmente si trova in una cella singola. Nell’interrogatorio di ieri sera con il pm Rosi si è avvalso della facoltà di non rispondere.

Rosi non ha potuto ancora incontrare il suo difensore, l’avvocato Luca Maori, in quanto il pubblico ministero ha disposto il divieto di colloquio per tre giorni.

Una misura criticata dal legale. “Il divieto di incontrare il difensore – ha detto l’avvocato Maori – viene solitamente applicato in casi estremi quali il terrorismo. Valuteremo ora che atteggiamento tenere di fronte al gip”.

La tragedia si è consumata nel pomeriggio di mercoledì a Perugia sembra al termine di una lite. L’abitazione in cui si sono svolti i fatti è in via Bellocchio, al numero civico 1, nei pressi di Fontivegge, nella residenza di famiglia.

La coppia era sposata da una ventina d’anni e secondo i primi accertamenti non avrebbe avuto particolari dissidi. Il figlio di 6 anni della coppia non avrebbe assistito al delitto pur essendo in casa.
Dopo aver sparato alla moglie Rosi ha chiamato il 112 pronunciando: “Venite, è successa una cosa grave a mia moglie…”. L’operatore del numero di emergenza dei carabinieri lo ha però trattenuto al telefono e quindi l’uomo ha ammesso di avere ucciso la moglie.

La donna è stata soccorsa in casa dal personale del 118 che ha anche tentato di rianimarla ma vanamente. Il corpo della donna è stato portato all’istituto di medicina legale dell’ospedale Santa Maria della misericordia di Perugia, a disposizione dell’autorità giudiziaria. Nelle prossime ore l’autopsia.

“Stiamo valutando la situazione ed è presto per fare qualsiasi considerazione” ha detto il difensore dell’uomo. Tra le ipotesi al vaglio dei carabinieri anche quella di una lite per motivi di gelosia. Tutte le piste rimangono comunque al momento aperte.

Donna uccisa a Perugia

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*