Don Gelmini, cordoglio da Vescovo Piemontese e comunità diocesana

Il vescovo di Terni Narni Amelia padre Giuseppe Piemontese e la comunità diocesana, profondamente addolorati, partecipano al lutto per la morte di mons. Pietro Gelmini, canonico del Capitolo della Concattedrale di Amelia, esarca del Patriarcato Melchita di Damasco, fondatore della Comunità Incontro di Molino Silla, che tornato alla casa del Padre all’età di 89 anni, dopo una lunga malattia.

Don Pietro Gelmini era nato a Pozzuolo Martesano il 20 gennaio 1925 ed è stato ordinato sacerdote il 29 giugno 1949.

Arrivato nella diocesi di Terni Narni Amelia alla fine degli anni Sessanta, a Molino Silla di Amelia dove ha posto la sede centrale della Comunità Incontro da lui fondata, ha sempre svolto, con incessante cura e dedizione, l’opera caritativa a favore dei ragazzi in difficoltà accogliendoli come un padre buono e generoso.

Negli anni intenso è stato il rapporto con i vescovi e sacerdoti della diocesi, che hanno frequentato la comunità, in particolare con mons. Franco Gualdrini che ha sempre avuto un’attenzione particolare per la Comunità Incontro e per don Pierino. A Silla si sono svolti anche gli incontri diocesani dei catechisti.

La comunità diocesana si stringe ai giovani e agli operatori della comunità “orfani” del loro padre, pregando il Signore perché doni sempre ogni grazia e benedizione alla comunità e a quanti vi hanno operato e vi operano.

“Ho fatto visita a don Pierino a Molino Silla il 10 luglio scorso, pochi giorni dopo il mio arrivo in Diocesi – ricorda il vescovo padre Giuseppe Piemontese -. Abbiamo brevemente colloquiato, seppur con le difficoltà causate dalla malattia di don Pierino, e insieme pregato la Madonna a cui siamo molto devoti. E’ stato un breve incontro, ma intenso e fraterno”.

Le esequie saranno celebrate giovedì 14 agosto alle ore 10.30 presso la cappellania San Pietro Apostolo in Molino Silla di Ameliapresiedute dal vescovo di Terni-Narni-Amelia padre Giuseppe Piemontese.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*