Divieto di accesso ai giornalisti in edificio gip Tribunale Perugia

Divieto di accesso ai giornalisti in edificio gip Tribunale Perugia

Divieto di accesso ai giornalisti in edificio gip Tribunale Perugia
I giornalisti non potranno più accedere “ai locali dell’edificio adibito ad aule di udienza e cancellerie del settore gip-gup” del tribunale di Perugia. Il divieto di accesso è stato disposto dal presidente della sezione penale Gaetano Mautone.

Alla porta d’ingresso degli uffici giudiziari è stato affisso il provvedimento. I cronisti che tentavano di raggiungere l’area interdetta sono stati fermati dal personale di vigilanza.

Il presidente, motivando il divieto ha spiegato che “recentemente è stato segnalato un episodio nel corso del quale sono state effettuate riprese filmate non autorizzate all’interno dei locali della Sezione, nonostante l’espresso divieto”.

Episodio che si sarebbe verificato nell’edificio dove si tengono le udienze di camera di consiglio del gup e che quindi “non trattandosi di udienze aperte al pubblico, non vi è ragione di consentire il libero accesso degli addetti alla stampa alla zona riservata al settore gip-gup”.

Divieto

L’Associazione Stampa Umbria esprime forte preoccupazione per il provvedimento a firma del presidente della sezione penale del tribunale di Perugia Gaetano Mautone con cui si vieta ai giornalisti l’accesso al primo piano dello stabile di via XIV Settembre. L’Associazione ritiene eccessiva la decisione di interdire a tutti i cronisti l’ingresso ai corridoi delle aule gip – gup, dove da sempre, chi fa cronaca giudiziaria può attingere informazioni di interesse pubblico.

Pur riconoscendo l’esistenza di un singolo espisodio in cui il divieto di entrare con una telecamera è stato disatteso da un singolo operatore, l’Associazione non può esimersi dal sottolineare che tale decisione pregiudica fortemente il diritto/ dovere di informazione, che non può essere bollato come “notiziole”.
E’ per questo che auspica che il provvedimento possa essere velocemente riconsiderato da chi lo ha assunto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*