Diego Raggi vuole giustizia per la morte del fratello David, ma non razzismo verso i marocchini

TERNI – Diego Raggi, fratello di David ucciso a Terni da Amine Aassoul, in un”intervista a Repubblica, dice che a lui gli estremismi non sono mai piaciuti. E non vuole che il dramma che ha sconvolto la sua famiglia diventi un emblema per la lotta alla immigrazione e all’immigrato.

Secondo quanto riferisce il sito di Repubblica.it, Diego afferma che David non lo avrebbe mai permesso. Diego Raggi poi si rivolge al Governo chiedendo di fare giustizia, fare in modo tale che l’uomo che ha ucciso suo fratello paghi. Chiede, in sostanza, la certezza della pena il fratello di David Raggi.

Non vuol sentir parlare di arresti domiciliari tra dieci anni. Non c’entra niente il fatto che l’assassino sia straniero, in sostanza, è solo una persona che ha commesso un crimine efferato e per questo deve essere punti. Una delegazione di marocchini, per altro, si è recata a far visita alla famiglia della vittima per porgere le condoglianze. Nessun atteggiamento xenofobo quindi, ma desiderio di giustizia.

Print Friendly, PDF & Email

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*