Da ‘mister’ a ‘Doctor’, l’Ateneo di Perugia ha laureato Claudio Ranieri

L’Ateneo umbro è la prima università italiana a celebrare lo straordinario successo dell’allenatore romano

L’Ateneo umbro è la prima università italiana a celebrare lo straordinario successo dell’allenatore romano

Da ‘mister’ a ‘Doctor’, l’Ateneo di Perugia ha laureato Claudio Ranieri. L’Università degli Studi di Perugia ha conferito questa mattinala Laurea Magistrale honoris causa in “Scienze e Tecniche dello Sport e delle Attività Motorie Preventive e Adattate” a Claudio Ranieri, il tecnico italiano trionfatore con il Leicester City nella Premier League 2015/2016, il massimo campionato inglese per club. Gremitissima l’Aula Magna, soprattutto di giovani, ma anche di molti i rappresentanti del mondo sportivo e istituzionale – fra i quali Andrea Romizi, sindaco di Perugia -. La solenne cerimonia si è svolta secondo la Formula ad conferendum Doctoratum Honoris Causa in Almo Studio Generali Perusino ad Instra Moris Saec.XVI, antico cerimoniale in lingua latina ripreso e riadattato dal Rettore Giuseppe Ermini.

In apertura, il Magnifico Rettore Franco Moriconi è entrato in Aula Magna insieme ai dieci componenti la Commissione di Laurea e il ‘laureando’ Claudio Ranieri, mentre il Coro dell’Università degli Studi di Perugia ha intonato l’Inno dell’Ateneo. La professoressa Leonella Pasqualini, Presidente del Corso di Laurea in Scienze e Tecniche dello Sport e delle Attività Motorie Preventive ed Adattate e Promotore del riconoscimento al tecnico, ha pronunciato la ‘Laudatio’ di presentazione del tecnico italiano, evidenziando le motivazioni che hanno spinto lo Studium Perusinum a conferire la laurea honoris causa.

“Quello che ci ha mosso a proporre Claudio Ranieri come possibile candidato a ricevere la Laurea Magistrale Honoris causa – ha sottolineato  la professoressa Pasqualiniè stato l’aver appreso quanto fondamentale sia stato, per i successi raggiunti dalla squadra da lui allenata, il Leicester City, l’applicazione di innovativi principi scientifici nella metodologia di allenamento: ‘La Scienza dello Sport dietro la vittoria della Premier League’, così titolava un recente editoriale del BBC Sport News”.

Claudio Ranieri ha poi presentato la sua Lectio Doctoralis dal titolo: “Le mie esperienze: Analisi ed evoluzione delle mie strategie di allenamento nel calcio dal 1986 al 2016”.

Il tecnico romano ha ricordato la sua carriera da allenatore, dai primi anni (con la Vigor Lamezia e Campania Puteolana) al passaggio ai professionisti in Italia (Cagliari); poi le esperienze all’estero in: Spagna (Valencia, Atletico Madrid) e Inghilterra (Chelsea). Poi, il rientro in Italia (Parma), di nuovo fuori dai confini (nel Principato di Monaco e alla guida della Nazionale Greca) sino alla chiamata del Leicester (luglio 2015) e al trionfo con la squadra inglese. Un percorso per evidenziare l’evoluzione degli elementi tecnici, tattici, di preparazioni e umani vissuti nelle varie situazioni; le difficoltà, le soddisfazioni. “Ritengo che quanto abbiamo vissuto lo scorso anno – ha concluso Ranieri -, sia qualche cosa di magnifico e di unico, una chimica tra squadra, tecnico, staff, società e tifosi che è veramente difficile da poter ripetere, quanto meno a breve termine”.

Successivamente, la Commissione di Laurea, presieduta dal Magnifico Rettore professore Franco Moriconi e composta dai professori Leonella Pasqualini, Elmo Mannarino, Graziella Migliorati, Vincenzo Talesa, Ileana Giambanco Emira Ayroldi, Gaetano Vaudo, Guglielmo Sorci, e dai dottori Donatella Siepi, Rita Romani, Ilaria Bellezza, si è espressa favorevolmente sul conferimento della Laurea, inserendo nell’urna solo fave bianche in segno di assenso e nessuna nera attestante il rifiuto.

Il Rettore, chiudendo la cerimonia ufficiale, ha consegnato al neodottore Claudio Ranieri la pergamena, il libro simbolo del sapere, l’anello a significare la ‘congiunzione’ del laureato con la disciplina, il bacio accademico, il ‘tocco’ e la toga dottorale. Dopo l’applauso di rito, i giornalisti e il pubblico hanno coinvolto Ranieri con un gran numero di domande, sia sul passato calcistico in Italia, sia sulla futura stagione con il Leicester, ai cui giocatori – ha dichiarato il neo-dottore, ha promesso “lacrime e sudore” per ottenere e consolidare l’alta prestazione della squadra. Prima della cerimonia, Claudio Ranieri, accompagnato dalla consorte, è stato accolto in Rettorato dal professor Moriconi. Al tecnico sono stati illustrati antichi volumi relativi ai tornei e alla guerra, alle tecniche e alle tattiche utilizzate. Poi, prima di scendere in Aula Magna, la firma del Registro d’Onore.

Claudio Ranieri è nato a Roma il 20 ottobre 1951. Da calciatore ha vestito le maglie di RomaCatanzaro, Catania e Palermo.

Come allenatore si fa notare conquistando due promozioni (dalla serie C1 alla serie A) con il Cagliari tra il 1988 e il 1991.  Passa quindi al Napoli dove ottiene una qualificazione UEFA nel 1992. Tra il 1993 e il 1997 allena la Fiorentina con cui ottiene una promozione in serie A, una Coppa Italia e una Supercoppa Italiana. Nel 1997 si trasferisce in Spagna, dove rimane fino al 2000, allenando il Valencia (con cui vince una Copa del Rey) e l’Atletico Madrid, prima di passare al Chelsea dove rimane per quattro stagioni. Dopo essere tornato per un anno al Valencia, nel 2007 rientra in Italia dove allena il Parma, la Juventus, la Roma e l’Inter, ottenendo due secondi posti con Juventus e Roma. Dal 2012 al 2014 allena il Monaco in Francia dove vince la Ligue 2 e arriva secondo in Ligue 1. Dopo un periodo delle allenatore della nazionale della Grecia conclusosi anticipatamente con un esonero, torna in Inghilterra al Leicester City, con cui vince la Premier League nel 2016.

L’Ateneo umbro è la prima università italiana a celebrare lo straordinario successo dell’allenatore romano che ha già ricevuto l’onorificenza di “Grande Ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica italiana” dal Presidente della Repubblica Italiana (quinto sportivo dopo Sara Simeoni, Gino Bartali, Silvio Piola e Reinhold Messner) e dal CONI la “Palma d’oro al merito tecnico”, assegnata in passato soltanto a Marcello Lippi per il Mondiale 2006.

Claudio Ranieri, che da calciatore ha vestito le maglie di Roma, Catanzaro, Catania e Palermo, da tecnico ha allenato Vigor Lamezia, Campania Puteolana, Cagliari Napoli, Fiorentina, Valencia, Atletico Madrid, Chelsea, Parma, Juventus, Roma, Inter, Monaco, Grecia e infine Leicester City. La vittoria con il Leicester (per la prima volta campione d’Inghilterra dopo 132 anni di storia) è stato per Ranieri il primo campionato vinto in carriera ed è il terzo allenatore italiano a vincere la Premier League dopo Carlo Ancelotti e Roberto Mancini.

L’inaspettato trionfo in Premier è stato definito dalla stampa inglese, italiana e internazionale, una vera e propria “favola”, e, addirittura, “la più grande impresa sportiva di sempre”. L’iniziativa di conferire il titolo accademico a Ranieri è nata nel mese di giugno 2016, in occasione della seconda edizione del Festival del Calcio e dello Sport, che si tiene annualmente a Perugia, quando, insieme agli organizzatori dell’evento diretto da Alessandro Ricci Riccini.

Flickr Album Gallery Powered By: Weblizar

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*